Isola del Giglio: ecco cosa vedere per una vacanza da sogno

L’Isola del Giglio è la seconda isola per estensione dell’Arcipelago Toscano. La sua superficie di 21 km2 e il suo clima mite, la rendono una méta turistica ideale tutto l’anno, grazie alla ottima qualità ricettiva e, soprattutto, alla possibilità di soggiornare scegliendo tra differenti opzioni (ci sono, ad esempio, numerose opportunità di affitto di appartamenti a prezzi vantaggiosi, che permettono di avere la massima libertà di movimento ed orari come a casa propria, godendosi a pieno la vacanza sull’isola soprattutto nei giorni di festa o durante le manifestazioni e gli eventi locali).

Isola del Giglio: conformazione e i suoi borghi

L’Isola del Giglio (provincia di Grosseto) è prevalentemente montuosa e costituita da rocce calcaree. Il suo punto più alto è Poggio della Pagana (496 m), mentre il golfo con la spiaggia più grande è Golfo del Campese, sebbene lungo tutta la linea costiera si trovano cale, baie, spiagge praticabili.

La vegetazione è prevalentemente composta da macchia mediterranea e le principali attività economiche di sostentamento della popolazione sono la coltivazione della vite – grazie al suo clima mite –, la pesca e il turismo. I centri abitati sull’Isola del Giglio sono tre:

  • Giglio Porto sulla costa orientale;
  • Giglio Campese sulla costa nord-occidentale;
  • Giglio Castello che si trova a 400 m. di altezza.

La località di Giglio Porto è il punto di arrivo e di partenza dei traghetti che collegano l’isola a Porto Santo Stefano ed è anche il centro più grande dell’isola. Le spiagge principali sono: Arenella, Cannelle e Caldane. Lungo la passeggiata del Porto ci sono negozi, boutiques, ristoranti, locali per il divertimento sia per giovani che per famiglie.

A Giglio Castello – antichissimo borgo medievale - si trova il Comune in cima alla collina ed è circondato da alte mura con torrioni. Il borgo è caratterizzato da vicoli stretti e lastricati in pietra. Al borgo si trova anche un gioiello di architettura di grande valore storico e artistico: la chiesa del 1300 dove è custodito il crocifisso in avorio attribuito al Giambologna. Il borgo, situato a 400 m di altezza, è raggiungibile dal mare in circa 10 minuti di macchina ed è un eccellente belvedere e offre una vista panoramica dell’isola spettacolare.

Gli amanti delle lunghe sedute in spiaggia, apprezzeranno Giglio Campese una spiaggia di 1 km incastonata in una magnifica insenatura contornata da una scogliera e un porticciolo, uno degli angoli più suggestivi dell’isola. Dalla spiaggia si può ammirare la Torre Medicea – tra le più belle del litorale toscano – costruita su uno scoglio e collegata all’isola da un ponte; fu edificata nel XVI secolo per proteggere e difendere l’isola dagli attacchi dei pirati, attualmente è sede di valide scuole di nuoto e surf.

Isola del Giglio: Cosa fare e cosa vedere

L’Isola del Giglio offre molte occasioni di svago e divertimento ed un’ampia offerta sportiva, nonché attività culturali da abbinare ai piaceri della tavola. Sull’isola vi sono 13 strutture alberghiere comprese tra Campese e Porto (a Giglio Castello non ci sono strutture ricettive), ma una grande offerta di appartamenti in affitto che permettono di godersi l’isola in tranquillità, riservatezza e totale relax.

Per gli amanti delle sagre e del folklore locale, gli appuntamenti più importanti dell’Isola del Giglio sono le feste patronali dei tre borghi:

  • San Lorenzo, 10 agosto a Giglio Porto;
  • San Rocco, 16 agosto a Giglio Campese;
  • San Mamiliano, 15 settembre a Giglio Castello.

Le feste sono caratterizzate da figuranti in costume, palii (il Palio marinaro di San Lorenzo e il Palio dei Somari di San Mamiliano), concerti, sagre (come la Sagra del Coniglio Selvatico), danze in piazza come la Quadriglia e spettacoli pirotecnici. Le feste durano in media una settimana, ma il fulcro è il giorno in cui si commemora il Santo patrono con le tradizionali processioni.

Imperdibile è anche la tradizionale Nenia di Capodanno un testo antichissimo tramandato oralmente che ogni capodanno viene eseguito con canti e musiche da un gruppo di giovani girovaghi che si fermano presso alcune abitazioni per eseguire il canto, formulando auguri e complimenti, invocando la benedizione del cielo e danzando un valzer composto da musicisti locali.

Gli amanti del mondo subacqueo non possono perdere l’eccezionale Presepe Subacqueo a Giglio Campese. Le attività subacquee possono essere svolte all’Isola del Giglio tutto l’anno ed è uno dei luoghi più frequentati per le immersioni in Italia. I suoi fondali sono ricchi di posidonia, orgonie, spugne e coralli coloratissimi, oltre a una grande varietà di pesci come le ricciole, i barracuda, cernie e tonni, murene e aragoste.

Gli sportivi avranno modo di visitare l’isola in lungo e largo a piedi o in bici per ammirare il suo territorio che è rimasto per il 90% incontaminato e attraversato da sentieri e mulattiere utilizzate fino a pochi decenni fa dagli abitanti del Giglio come uniche vie percorribili a piedi o a dorso di mulo, per spostarsi da una parte all’altra dell’isola. Oggi, questi percorsi sono stati recuperati e adibiti a itinerari turistici con un’ottima segnaletica e pannelli didattici informativi sulla flora e la fauna locali. Il periodo migliore per le escursioni è la primavera o l’autunno, i sentieri sono piuttosto accidentati e difficili da percorrere in mountain bike.

Come raggiungere l’Isola del Giglio

L’Isola del Giglio è raggiungibile in auto, treno o autobus con imbarco al porto di Santo Stefano.

Per chi vi arriva in automobile lungo la SS1 Aurelia, l’imbarco è presso Porto Santo Stefano dove si trovano diversi parcheggi custoditi dove lasciare la vettura. È possibile imbarcare la vettura, ma solo con prenotazione. Soprattutto nei periodi di maggiore affluenza:

  • Chi proviene da Nord, l’imbarco dista 34 km da Grosseto e all’altezza di Albinia si trova lo svincolo per Porto Santo Stefano;
  • Chi proviene da Sud, l’imbarco dista 120 km da Roma e all’uscita di Orbetello si trovano le indicazioni per Porto Santo Stefano.

Porto Santo Stefano è raggiungibile anche in treno attraverso la linea Pisa-Roma con fermata alla stazione di Orbetello-Monte Argentario da cui proseguire in autobus con le Autolinne locali (TI.EMME) che dalla stazione ferroviaria collegano direttamente all’imbarco a Porto Santo Stefano.

Da Porto Santo Stefano all’Isola del Giglio si ha la possibilità di prenotare un traghetto, servendosi principalmente di due compagnie di navigazione: la MareGiglio e la Toremar.

Giunti sull’Isola, a Giglio Porto si trova il centro per informazioni turistiche e la Pro Loco dove è sempre possibile – se non avete prenotato in tempo – richiedere la possibilità di prendere in affitto un appartamento sull’Isola del Giglio, messi a disposizione per i turisti. I prezzi sono competitivi, per tutte le tasche, a seconda della metratura e dei servizi richiesti.

Pagina aggiornata il

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'Isola del Giglio: ecco cosa vedere per una vacanza da sogno '


 

Abbonati ai FEED

Mare in Italia






www.lavacanzafaidate.com di Laura Perconti - email enr.mainero@gmail.com -