Il clima in Colombia è influenzate dalla presenza della Cordigliera delle Ande, del Mar dei Caraibi, dall’ecosistema della Foresta Amazzonica a sud del Paese e soprattutto dalla latitudine, poiché il paese si trova sull’equatore. Per tali ragioni il clima è composto da diversi microclimi.

La Colombia si trova proprio sull’equatore; uno spartiacque tra l’America del Nord e quella del Sud. Questa nazione comprende anche tante isole, le principali sono: Gorgonia, Santa Catalina, Providencia la Isla del Rosario e San Andres. Il territorio è attraversato dalla Cordigliera delle Ande che presenta vette che raggiungono anche i 5800 metri e, per questa ragione, il clima della Colombia è piuttosto vario.

Il clima in Colombia è influenzate dalla presenza della Cordigliera delle Ande, del Mar dei Caraibi, dall’ecosistema della Foresta Amazzonica a sud del Paese e soprattutto dalla latitudine, poiché il paese si trova sull’equatore. Per tali ragioni il clima è composto da diversi microclimi. Dopo aver dato un'occhiata al Venezuela buttiamoci dunque in questo nuovo e meraviglioso paese.

Per praticità è possibile distinguere in quattro zone in base alle temperature della Colombia:

  • Area calda, con il termometro che supera i 24°C. Circa l’80% della regione colombiana è composta da un territorio con altitudine inferiore ai mille metri, caratterizzata dal clima caldo e temperature abbastanza alte.
  • Area con temperature medie, che vanno dai 17°C e i 24°C. Si sviluppano sul 10% del territorio colombiano; nelle zone con altitudine tra i 1.000 e 2.000 metri.
  • Aree fredde che oscillano tra i 12°C e 17°C: equivalgono a circa l’8% del territorio e interessano le zone con un’altitudine compresa tra i 2.000 e 3.000 metri.
  • Area desertica, al di sotto dei 12°C. Temperature che interessano i rilievi maggiori sopra i 3000 metri di altezza.

Le piogge variano a seconda del periodo; le zone climatiche differiscono a seconda del periodo secco (dicembre/febbraio e luglio/settembre) e del periodo delle piogge (maggio/giugno e ottobre/novembre). Le precipitazioni sono più frequenti nella giungla e nelle aree di bassa altitudine ad est. Queste zone sono più umide e sono frequenti i venti alisei di nord-est e di sud-est. Al contrario, lungo la fascia costiera del Pacifico abbiamo fenomeni di tipo equatoriale.

Sulla fascia costiera del Pacifico

Lungo la fascia costiera del Pacifico abbiamo fenomeni di tipo equatoriale, con abbondanti precipitazioni di tipo temporalesco e di breve durata. A causa delle continue piogge, è conveniente visitare il paese durante la stagione secca, precisamente tra dicembre ed aprile. Il clima equatoriale fa parte della categoria dei climi tropicali e determina delle temperature medie durante l’anno intorno ai 27 - 28°C, quindi elevate, accompagnate da una forte umidità. L’aspetto positivo è che l’escursione termica nella zona costiera è bassa poiché il forte calore del sole rimane sulla terra.

Il clima di questa parte della Colombia affacciata sull’Oceano Pacifico è influenzata anche dalle correnti marine. Queste, soprattutto quella calda di tipo equatoriale spingono masse di aria calda e umida, nonché cariche di vapore. Il fenomeno determina così la formazione di nubi che a loro volta portano abbondanti piogge quasi tutti i giorni.

Clima sulla fascia costiera caraibica

Immagine utilizzata nell'articolo Clima in Colombia: le informazioni di cui hai bisogno prima del viaggio!

Nella parte occidentale di questa zona le temperature medie si aggirano intorno ai 25°C, con la presenza di un clima tropicale caldo. La stagione delle piogge si identifica con i mesi compresi tra maggio e novembre.
Nella parte orientale della costa, invece, l'ambiente si fa più secco e la temperatura media annua è di 27°C. Le piogge sono più frequenti nei mesi di aprile e ottobre, mentre durante tutto l’anno si possono presentare raramente periodi di pioggia.

Nelle zone interne colombiane

La regione interna è caratterizzata da rilievi montuosi di varia altitudine e ciò comporta una diversa tipologia di ambiente, oltreché da una zona pianeggiante. Ad esempio, nella fascia andina troviamo: due stagioni delle piogge, aprile - giugno e settembre - novembre; due stagioni secche, dicembre - marzo e luglio - agosto.

Nelle pianure possiamo riscontrare una stagione secca nei mesi tra dicembre e marzo (estate), e una umida e piovosa nei mesi compresi tra aprile e novembre (inverno). Qui, la temperatura media annua è di 23°C.

Esempi in alcune città

  • Bogotà: la capitale, situata a circa 2600 m., il clima è caratterizzato da una stagione secca da dicembre a marzo, e una nei mesi di luglio e agosto con delle rare piogge. I mesi di aprile e ottobre sono i più piovosi, mentre la temperatura media è di 14°C;
  • Medellín: terza città più visitata in Colombia, presenta un clima mite tutto l’anno tanto da essere soprannominata “città dell’eterna primavera”.

Le influenze sul clima

L'ambiente di questo paese è influenzato dalla presenza della Cordigliera delle Ande, del Mar dei Caraibi, dall’ecosistema della Foresta Amazzonica a sud del Paese e soprattutto dalla latitudine: è composto da diversi microclimi e da habitat molto diversi l’uno dall’altro; si passa dalla foresta tropicale amazzonica, ai rilievi delle Ande. Ciò rende variegata anche la flora e la fauna colombiana.

Le varie aree

Sulla Cordigliera delle Ande è caratterizzato da forti escursioni termiche e dalla presenza dei venti alisei e dai venti locali che sono i responsabili delle variazioni climatiche. Proprio grazie a questo clima, la Colombia può essere visitata durante tutto l’anno. Forse il periodo migliore per visitare l’interno del paese corrisponde alla stagione secca che interessa i mesi tra dicembre e marzo e da giugno a settembre.

Cosa vedere e cosa visitare: fra natura selvaggia e antiche civiltà

La regione offre moltissime possibilità di vivere una vacanza indimenticabile, visto che vive del binomio composto da natura e storia. È possibile godere di entrambe queste anime anche grazie al clima, quasi mai inclemente.

Non si può non iniziare dal Bogotà, dove quasi sicuramente atterrerà il vostro volo. La città si trova su un altopiano a più di 2.000 metri d'altitudine. Ma la sua particolarità non finisce qui: si tratta di una località dove convivono senza soluzione di continuità favelas e moderni complessi residenziali

Il fascino di Bogotà deriva dalla sua storia coloniale, che è possibile respirare ancora muovendosi per i suoi vecchi quartieri, come quello della Candelaria dove si trova la Catedral Primada e il Museo Botero.
Dal Cerro de Monserrate, una collina sulla città, si può godere poi di una bellissima vista della città ma anche del santuario del XVII secolo lì costruito.

Muovendosi di pochi chilometri dalla capitale, è possibile visitare altri bellissimi luoghi. A 50 chilometri si trova la Laguna di Guatavita, un bacino d'acqua circolare venerato dagli Indios e che forse è stato creato dalla caduta di un meteorite.

Costituisce una tappa molto praticata dai turisti Cartagena, dichiarata peraltro Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. L'architettura della città vive ancora il periodo coloniale che l'ha vista generare. Bellissime le mura, realizzate nel XVI secolo, che resistono ancora oggi.
Antico e affascinate è il Palazzo dell'Inquisizione nonché Sede del Tribunale del Santo Uffizio. La sua costruzione ha richiesto 150 anni.
Rilevante anche il Castillo San Felipe de Barajas, una delle più grandi fortezze militari costruite dalla Spagna in America. Ma le bellezze della città sono molto e sicuramente un giorno non è sufficiente per visitarle tutte.

Ancora fra le città, citiamo Tierradentro e il Parco Archeologico dedicato alla popolazione d'età precolombiana; Popayàn e il Parque Nacional Purace che si trova vicino, caratterizzato dalla vicinanze di cascate e vulcani spenti; San Andres, un'isola a 700 chilometri dalla costa, rinomata per le sue spiagge bianchissime.

Esistono poi molte festività – divertenti e folkloristiche – che possono colorare la vostra vacanza. Anche il turismo gastronomico ha la sua importante parte, con i piatti tipici tipo il lechona (maiale ripieno di riso).

Potrebbe interessarti

Zoo di Fasano: un parco safari faunistico unico in Italia!

Immagine utilizzata nell'articolo Zoo di Fasano: un parco safari faunistico unico in Italia!

Lo Zoo Safari di Fasano è “il Parco faunistico pedonale ed il Parco divertimenti annessi, più grande d’Italia ed uno dei maggiori d’Europa” (definizione del sito ufficiale). Si trova in provincia di Brindisi, si estende per ben 140 ettari e ospita circa 200 differenti specie animali per un totale di circa 1700 ospiti del regno animale.

Seychelles: quando andare? Segui i nostri consigli!

Immagine utilizzata nell'articolo Seychelles: quando andare? Segui i nostri consigli!

Abbiamo deciso che le Seychelles saranno la meta delle nostre prossime vacanze, ora bisogna stabilire quando andare. Dal punto di vista climatico l’arcipelago gode di un ottimo clima di tipo tropicale, quindi caldo e umido ma mitigato dai venti provenienti dal mare.

Come arrivare a Mirabilandia: raggiungi il parco dei divertimenti in treno

Come arrivare a Mirabilandia: raggiungi il parco dei divertimenti con Trenitalia e risparmi

Come arrivare a Mirabilandia? in treno è molto semplice perchè il parco di divertimenti si trova vicino alla stazione di Lido di Classe/Lido di Savio con la quale è collegato con un servizio navetta. Ma oltre a questa possibilità – che illustreremo nel dettaglio – è possibile raggiungere il parco anche in auto e altri mezzi.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Clima in Croazia: il meteo giusto per partire in vacanza!

clima in croazia

Il clima in Croazia varia a seconda della zona; è di tipo continentale caratterizzato da forti escursioni termiche nell’entroterra e di tipo mediterraneo con inverni non rigidi ed estati calde sulle coste. Durante i mesi invernali soffia la bora, il vento freddo che proviene da nord e che può anche essere molto violento; mentre in estate spira lo scirocco, un vento caldo che porta alte temperature e siccità.

Vacanze nelle isole greche: ecco alcuni consigli per il viaggio

vacanze nelle isole greche

La vacanze nelle isole greche sono tra le preferite da tanti viaggiatori italiani. Del resto come non appassionarsi alle tante piccole isole del mar Egeo o alle numerose città ricche di storia e di tradizioni.

Clima in Africa: tutte le informazioni per chi viaggia verso questa meta!

Clima in Africa

Valutare la migliore stagione per un viaggio in questo continente non è affatto una cattiva idea: esattamente come tutti gli altri continenti, quello africano presenta notevoli diversità fra una zona e un'altra con periodi dell'anno assolutamente sconsigliati (per via dell'eccessivo caldo del clima in Africa oppure per la presenza della stagione delle piogge).

Leggi anche...

Vacanze a Rimini: divertimento per tutta la famiglia

Rappresenta uno dei posti più belli e suggestivi del nostro Paese ed in cui il divertimento, in tutte le sue possibili forme, è davvero di casa, la Riviera Romagnola per questo motivo è una delle aree turistiche più frequentate non solo dai turisti italiani, ma anche da quelli stranieri. Tra le mete migliori all’interno di questa zona, senz’altro vi è Rimini, anche grazie ad un’offerta alberghiera per ogni genere di esigenza: dagli alberghi extralusso agli hotel 2 stelle a Rimini e dintorni.

Leggi anche...

Vie ferrate delle Dolomiti di Brenta: ecco qualche consiglio utile

Vie ferrate delle Dolomit

Si trova in provincia di Trento l’unico gruppo dolomitico che sorge ad ovest del fiume Adige. Si tratta delle Dolomiti di Brenta, una sottosezione delle Alpi Retiche meridionali, che si sviluppa per circa 40 km da nord a sud e per circa 12 km da est a ovest all’interno del parco naturale Adamello-Brenta ed è attraversate dalle vie ferrate delle Dolomiti per tutta la sua lunghezza.

Leggi anche...

Alla scoperta dei Caraibi: meteo e temperature

ll clima ai Caraibi è tipicamente tropicale. Le temperature sono gradevoli e si attestano su una temperatura media annuale di 25 gradi centigradi con un’escursione termica da una stagione all'altra di circa 3°C o 5°C, per 365 giorni l'anno, rendendo il mare caldo e piacevole.

Go to Top