ll clima ai Caraibi è tipicamente tropicale. Le temperature sono gradevoli e si attestano su una temperatura media annuale di 25 gradi centigradi con un’escursione termica da una stagione all'altra di circa 3°C o 5°C, per 365 giorni l'anno, rendendo il mare caldo e piacevole. Possiamo riconoscere due stagioni: la stagione secca, discretamente piovosa, e la stagione umida e calda, maggiormente interessata da fenomeni.

Il clima e le temperature

La stagione secca, che va mediamente da metà novembre a metà maggio, è di sicuro la migliore per visitare i Caraibi, grazie al clima secco ed alla piacevole ventilazione, di contro al freddo dell’ Europa e del Nord America. Un breve scroscio e´sempre possibile, ma di solito passa sul mare a qualche chilometro di distanza. Unico aspetto negativo della stagione è il prezzo alto di hotel, ville e appartamenti, e coincide con le bellissime feste di carnevale che si svolgono sulle isole.
La stagione umida, compresa tra maggio e novembre, è leggermente più calda (differenze di 3-4°) ma più afosa e soggetta ad improvvise piogge con alti tassi di umidità. Anche se i Caraibi non sono da considerarsi una zona monsonica possono verificarsi uragani e tempeste tropicali nel periodo compreso tra agosto e ottobre. In questa stagione tuttavia si risparmia sui voli e anche sugli hotel e le località che sono meno affollate, tranne che in agosto.

Quando partire per i Caraibi?

Il momento migliore per visitare i Caraibi va da metà Dicembre a metà Aprile, proprio nel periodo più freddo per l’Europa e il Nord America.Difatti i visitatori che giugono ai Caraibi sono per la stragrande maggioranza europei ed americani. Durante questo periodo il clima è abbastanza mite e secco, le precipitazioni scarse, ciò nondimeno si deve considerare che le località turistiche sono affollate e i prezzi balzano alle stelle. Inoltre, nei mesi di Febbraio o Marzo sulle isole si tengono magnifiche feste di carnevale, un ottimo motivo per partire in questo periodo.

Un paese per migrare

Da metà Aprile a metà Dicembre è bassa stagione, il risparmio è notevole e le località meno affollate, tuttavia il clima dei Caraibi è molto più afoso e le precipitazioni frequenti e improvvise; inoltre da fine Agosto a Ottobre bisogna fare i conti con gli uragani. Un buon compromesso potrebbe essere approfittare del mese di Novembre, quando le strutture sono appena state rinnovate e l’alta stagione non è ancora iniziata.

Facendo un esempio: in una settimana potete trovare quattro giorni perfetti e tre giorni con alternanza di bel tempo ed acquazzoni. L’unica eccezione da tener in considerazione è l’arrivo di una perturbazione o tempesta tropicale, ma tuttavia possono passare dei mesi tra una e l’ altra.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Altri articoli che potrebbero interessarti

Monsoni: tutte le informazioni sulle regioni monsoniche

monsoni

Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.