In questi ultimi anni, si è maggiormente diffusa una certa attenzione dell'opinione pubblica al clima ed ai suoi cambiamenti, che si stanno avvertendo sempre più, anche a causa di alcuni eventi drammatici che hanno colpito talune popolazioni in varie aree del pianeta.

Il nostro Paese si ritrova, ad esempio, in quello che viene denominato "clima temperato" e che è particolare, come vedremo, di alcune zone della terra. Tuttavia, esso sembra destinato a subire una sorta di modificazione, proprio a causa dei cambiamenti che sta colpendo il clima generale del pianeta.

Generalmente, quello temperato risulta essere un genere di condizione ambientale assai favorevole e tende a fornire benefici a quei territori ove sia presente. Infatti, vi si trovano numerosi corsi d'acqua, grazie alle numerose precipitazioni piovose, e questo rende assai propizia e sviluppata l'agricoltura e conseguentemente diffusa la presenza umana con numerosi insediamenti.

Tale fascia climatica, comunque, si distende, nell'area boreale, su gran parte dell'Europa, dell'Asia Centrale e dell'America Centro-Settentrionale, mentre nell'area australe su Africa e Sudamerica Centro-Meridionale e parte orientale del continente australiano. Per avere un'idea più precisa: dagli Stati Uniti alla Germania e all'Italia, passando per parte della Cina e del Giappone nell'emisfero boreale; mentre in quello australe, da parte del Brasile e dell'Argentina al Sudafrica, passando per parte dell'Australia, come detto.

Ma in cosa consiste nello specifico questo genere particolare di clima? Proviamo a conoscere meglio tutto questo e ad approfondire l'argomento.

Il clima temperato caratterizza le aree dell’emisfero che si sviluppano tra le latitudini 30° e 60°. Il clima temperato ha due stagioni ben distinte (l’inverno e l’estate) mentre la primavera e l’autunno possono essere considerate stagioni di transizione. Il clima temperato si estende su aree geografiche molto diverse le une dalle altre e per questo può essere suddiviso in microclimi.

Gli elementi che maggiormente portano a tali differenze sono: l’alternanza di aria di bassa o alta pressione, la distanza dal mare o dall’oceano e la presenza dei rilievi (altitudine).

Le varie aree climatiche

Il clima temperato può essere diviso in più microclimi:

  • oceanico caratterizzato da estati miti, inverni piovosi e una minima escursione termica. Si sviluppa sulle coste ovest e comprende: l’area nord occidentale degli USA, le isole britanniche, la costa occidentale della Francia, il Mar del Nord.
  • Clima oceanico dégradé o continentale che si sviluppa, al contrario di quello oceanico, all’interno del continente. Tali zone non beneficiano della funzione mitigatrice del mare e l’escursione annuale aumenta, le estati sono abbastanza calde e gli inverni freddi ma non rigidi.
  • Clima mediterraneo che interessa i paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo.
  • Clima fresco interessa i paesi che si affacciano sull’Oceano Atlantico: Irlanda, Nuova Zelanda e Gran Bretagna. Registra temperature intorno ai 6° - 10° in inverno che non scendono quasi mai sotto lo zero ed estati fresche con temperature intorno ai 20°.
  • il clima temperato freddo con estati calde ed il clima temperato freddo con inverni lunghi. Il clima temperato freddo con estate calda caratterizzato da temperature che raggiungono i 30° in estate e che possono scendere sotto lo zero in inverno. Tale tipologia di clima si sviluppa nelle zone di steppa, di prateria e nella foresta temperata. Il paese che ha il clima freddo è il Kazakistan. Il clima freddo con inverno lungo, interessa il Canada centrale e meridionale e le foreste di montagna. Il clima freddo con inverno lungo registra temperature che facilmente scendono sotto lo zero e che raggiungono i -10°.

Per quanto riguarda invece le formazioni vegetali tipiche presenti nelle aree geografiche caratterizzate dal clima temperato, vi sono la macchia mediterranea, la prateria e la foresta mista. La prima è peculiare soprattutto di quei Paesi che si affacciano sul mare omonimo; la seconda invece dell'America Centro-Settentrionale; infine la terza è tipica di un'area specifica della regione scandinava (la cosiddetta Fennoscandia), di parte della Russia, del Giappone e di una zona limitata del Sud-Est asiatico.

Attenzione al clima e al riscaldamento del pianeta

Le temperature registrate nel 2014 devono far riflettere molto chi è alla guida dei Paesi e delle organizzazioni internazionali. In questo anno infatti si è registrato l’anno più caldo dal 1880, ossia da quando vengono monitorate stagionalmente le temperature. Un record che deve far alzare la barra dell’attenzione perchè sul clima non si scherza. D’altronde, le avvisaglie erano arrivate da molto tempo: estate arrivata in ritardo e prolungata oltre settembre, temperature che a novembre erano tutto fuorchè invernali e rigide con improvviso arrivo del gelo nella settimana dopo Natale.

E’ stata la Nasa a lanciare questi dati che la dicono lunga sul temuto riscaldamento del Pianeta, dovuto, purtroppo, anche all’attività degli essere umani, che continuano a bruciare combustibili fossili provocando l’innalzamento dell’emissione dei gas serra. Tutto ciò porta all’aumento delle temperatura della Terra e degli oceani: dall’analisi evidenziata dalla Nasa, si evince come sia proprio l’Europa il Continente che abbia subito maggiori variazioni con temperature più calde, mentre negli Stati Uniti non si sono registrati significati balzi rispetto al 2013. Non è un caso quindi che i Potenti del Pianeta, anche Paesi che per antica storia non si amavano (Stati Uniti e Cina) hanno raggiunto un accordo su questo punto. Ricordiamo infatti che proprio Stati Uniti e Cina da sole producono il 40% dell’emissione dei gas serra per cui era di fatto obbligatorio trovare una via d’accordo che tutelasse prima di tutto la salute di tutti gli abitanti del globo, auspicato niente di meno anche da Papa Francesco.

La via alternativa sarebbe quella di continuare ad utilizzare le cosiddette fonti rinnovabili, che non sono dannose per l’umanità ma che invece rappresentano un’importante fonte di diversificazione per l’energia. Si pensi solamente all’energia solare ed eolica per capire le potenzialità delle rinnovabili contro le fossili, che non sono infinite e il cui utilizzo eccessivo produce danni per l’intera umanità. Ecco perchè non sono più rinviabili certi discorsi, considerato il fatto che gli anni più caldi si ripetono a cadenza purtroppo regolare (il primato precedente era del 2010).

 

Potrebbe interessarti

Parco giochi Valmontone: orari e prezzi di Rainbow Magicland

Con l'arrivo della primavera e con l'estate alle porte, cresce sempre di più la voglia di stare all'aria aperta e di portare i vostri bambini nei parchi giochi più vicini alla vostra zona di residenza, per lasciarli giocare in totale libertà.

Leggi tutto...

Le torri costiere salentine: ecco perché non puoi perdertele

Le torri costiere rappresentano uno dei tanti motivi per i quali vale la pen andare alla scoperta del Salento, una terra che mostra in ogni suo angolo secoli e secoli di storia, raccontando la civiltà contadina e la civiltà marina.

Leggi tutto...

I prezzi dell'Italia in Miniatura di Rimini

Nei pressi di Rimini esiste da tantissimi anni uno dei parchi di divertimento tematici più famosi d'Italia, utile anche a chi vuole imparare tante cose sul nostro paese: l'Italia in Miniatura.

Leggi tutto...

Clima Europa: tutti i climi del nostro continente

L’Europa si estende da nord a sud e abbraccia diverse latitudini che fanno si che il clima risulti vario a seconda della zona. Il continente europeo si estende interamente nell’emisfero boreale per una superficie di quasi 10 milioni di km².

Leggi tutto...

Offerte disneyland paris volo hotel: dove la fantasia incontra la realtà

Quando si è piccoli si sogna sempre che i cartoni che ci accompagnano siano in qualche modo legati alla realtà, e si vuole addirittura farne parte. Con Disneyland Paris questo è un desiderio che si realizza. Unico nel suo genere, è stato (ed è tuttora) il primo parco al mondo ad essere definito come “innovativo” per la straordinaria magia che si respira tra le varie aree tematiche ed attrazioni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il Clima alle Maldive: temperature e meteo nelle isole

Il clima alle Maldive è di carattere tropicale e condizionato dalla presenza dei monsoni. I venti monsonici caratterizzano due stagioni: l’inverno asciutto e l’estate umida.

Leggi tutto...

Clima e meteo in Croazia: scopri quando partire!

Il clima della Croazia varia a seconda della zona; è di tipo continentale caratterizzato da forti escursioni termiche nell’entroterra e di tipo mediterraneo con inverni non rigidi ed estati calde sulle coste. Durante i mesi invernali soffia la bora, il vento freddo che proviene da nord e che può anche essere molto violento; mentre in estate spira lo scirocco, un vento caldo che porta alte temperature e siccità.

Leggi tutto...

Meteo Zanzibar a gennaio: alla scoperta di una perla africana

Una vacanza a Zanzibar è un’esperienza unica e indimenticabile. Nota come l’isola delle spezie perché da sempre fiorente mercato di chiodi di garofano e aromi esotici, Zanzibar con le sue bellezze e i suoi colori, attira turisti da tutto il mondo.

Leggi tutto...

Clima Venezuela: temperature e meteo della regione

Il clima del Venezuela cambia a seconda della regione. In linea generale, il clima Venezuela è di tipo Tropicale caratterizzato da due stagioni: la stagione secca e quella delle piogge.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gatteo Mare: il massimo del relax per la tua estate al mare

La destinazione per le proprie vacanze non è mai facile da scegliere così su due piedi: c’è chi è tipo da escursione, chi da montagna e chi invece è spiccatamente tipo da mare. Se vi sentite di rientrare in quest’ultima categoria, sappiate che Gatteo Mare ha qualcosa da offrirvi: gusto e freschezza, leggerezza del mare unita al relax, al sole ed al cibo tipicamente locale, infatti, sono gli elementi che rendono questa località vincente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Alla scoperta dei Caraibi: meteo e temperature

ll clima ai Caraibi è tipicamente tropicale. Le temperature sono gradevoli e si attestano su una temperatura media annuale di 25 gradi centigradi con un’escursione termica da una stagione all'altra di circa 3°C o 5°C, per 365 giorni l'anno, rendendo il mare caldo e piacevole.

Leggi tutto...
Go to Top