In questi ultimi anni, si è maggiormente diffusa una certa attenzione dell'opinione pubblica al clima ed ai suoi cambiamenti, che si stanno avvertendo sempre più, anche a causa di alcuni eventi drammatici che hanno colpito talune popolazioni in varie aree del pianeta.

Il nostro Paese si ritrova, ad esempio, in quello che viene denominato "clima temperato" e che è particolare, come vedremo, di alcune zone della terra. Tuttavia, esso sembra destinato a subire una sorta di modificazione, proprio a causa dei cambiamenti che sta colpendo il clima generale del pianeta.

Generalmente, quello temperato risulta essere un genere di condizione ambientale assai favorevole e tende a fornire benefici a quei territori ove sia presente. Infatti, vi si trovano numerosi corsi d'acqua, grazie alle numerose precipitazioni piovose, e questo rende assai propizia e sviluppata l'agricoltura e conseguentemente diffusa la presenza umana con numerosi insediamenti.

Tale fascia climatica, comunque, si distende, nell'area boreale, su gran parte dell'Europa, dell'Asia Centrale e dell'America Centro-Settentrionale, mentre nell'area australe su Africa e Sudamerica Centro-Meridionale e parte orientale del continente australiano. Per avere un'idea più precisa: dagli Stati Uniti alla Germania e all'Italia, passando per parte della Cina e del Giappone nell'emisfero boreale; mentre in quello australe, da parte del Brasile e dell'Argentina al Sudafrica, passando per parte dell'Australia, come detto.

Ma in cosa consiste nello specifico questo genere particolare di clima? Proviamo a conoscere meglio tutto questo e ad approfondire l'argomento.

Il clima temperato caratterizza le aree dell’emisfero che si sviluppano tra le latitudini 30° e 60°. Il clima temperato ha due stagioni ben distinte (l’inverno e l’estate) mentre la primavera e l’autunno possono essere considerate stagioni di transizione. Il clima temperato si estende su aree geografiche molto diverse le une dalle altre e per questo può essere suddiviso in microclimi.

Gli elementi che maggiormente portano a tali differenze sono: l’alternanza di aria di bassa o alta pressione, la distanza dal mare o dall’oceano e la presenza dei rilievi (altitudine).

Le varie aree climatiche

Il clima temperato può essere diviso in più microclimi:

  • oceanico caratterizzato da estati miti, inverni piovosi e una minima escursione termica. Si sviluppa sulle coste ovest e comprende: l’area nord occidentale degli USA, le isole britanniche, la costa occidentale della Francia, il Mar del Nord.
  • Clima oceanico dégradé o continentale che si sviluppa, al contrario di quello oceanico, all’interno del continente. Tali zone non beneficiano della funzione mitigatrice del mare e l’escursione annuale aumenta, le estati sono abbastanza calde e gli inverni freddi ma non rigidi.
  • Clima mediterraneo che interessa i paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo.
  • Clima fresco interessa i paesi che si affacciano sull’Oceano Atlantico: Irlanda, Nuova Zelanda e Gran Bretagna. Registra temperature intorno ai 6° - 10° in inverno che non scendono quasi mai sotto lo zero ed estati fresche con temperature intorno ai 20°.
  • il clima temperato freddo con estati calde ed il clima temperato freddo con inverni lunghi. Il clima temperato freddo con estate calda caratterizzato da temperature che raggiungono i 30° in estate e che possono scendere sotto lo zero in inverno. Tale tipologia di clima si sviluppa nelle zone di steppa, di prateria e nella foresta temperata. Il paese che ha il clima freddo è il Kazakistan. Il clima freddo con inverno lungo, interessa il Canada centrale e meridionale e le foreste di montagna. Il clima freddo con inverno lungo registra temperature che facilmente scendono sotto lo zero e che raggiungono i -10°.

Per quanto riguarda invece le formazioni vegetali tipiche presenti nelle aree geografiche caratterizzate dal clima temperato, vi sono la macchia mediterranea, la prateria e la foresta mista. La prima è peculiare soprattutto di quei Paesi che si affacciano sul mare omonimo; la seconda invece dell'America Centro-Settentrionale; infine la terza è tipica di un'area specifica della regione scandinava (la cosiddetta Fennoscandia), di parte della Russia, del Giappone e di una zona limitata del Sud-Est asiatico.

Attenzione al clima e al riscaldamento del pianeta

Le temperature registrate nel 2014 devono far riflettere molto chi è alla guida dei Paesi e delle organizzazioni internazionali. In questo anno infatti si è registrato l’anno più caldo dal 1880, ossia da quando vengono monitorate stagionalmente le temperature. Un record che deve far alzare la barra dell’attenzione perchè sul clima non si scherza. D’altronde, le avvisaglie erano arrivate da molto tempo: estate arrivata in ritardo e prolungata oltre settembre, temperature che a novembre erano tutto fuorchè invernali e rigide con improvviso arrivo del gelo nella settimana dopo Natale.

E’ stata la Nasa a lanciare questi dati che la dicono lunga sul temuto riscaldamento del Pianeta, dovuto, purtroppo, anche all’attività degli essere umani, che continuano a bruciare combustibili fossili provocando l’innalzamento dell’emissione dei gas serra. Tutto ciò porta all’aumento delle temperatura della Terra e degli oceani: dall’analisi evidenziata dalla Nasa, si evince come sia proprio l’Europa il Continente che abbia subito maggiori variazioni con temperature più calde, mentre negli Stati Uniti non si sono registrati significati balzi rispetto al 2013. Non è un caso quindi che i Potenti del Pianeta, anche Paesi che per antica storia non si amavano (Stati Uniti e Cina) hanno raggiunto un accordo su questo punto. Ricordiamo infatti che proprio Stati Uniti e Cina da sole producono il 40% dell’emissione dei gas serra per cui era di fatto obbligatorio trovare una via d’accordo che tutelasse prima di tutto la salute di tutti gli abitanti del globo, auspicato niente di meno anche da Papa Francesco.

La via alternativa sarebbe quella di continuare ad utilizzare le cosiddette fonti rinnovabili, che non sono dannose per l’umanità ma che invece rappresentano un’importante fonte di diversificazione per l’energia. Si pensi solamente all’energia solare ed eolica per capire le potenzialità delle rinnovabili contro le fossili, che non sono infinite e il cui utilizzo eccessivo produce danni per l’intera umanità. Ecco perchè non sono più rinviabili certi discorsi, considerato il fatto che gli anni più caldi si ripetono a cadenza purtroppo regolare (il primato precedente era del 2010).

 

Potrebbe interessarti

San Francisco: com’è il clima?

Gli Stati Uniti rappresentano sempre tra le mete più gettonate per effettuare dei viaggi all'estero e tra le varie località americane più ambite vi è senza alcun dubbio l'affascinante e vivace San Francisco, in California. Questa, infatti, è considerata la più europea tra le metropoli statunitensi e presenta, a coloro che la visitano, una sorta di miscuglio tra stili architettonici, cultura e tradizioni delle due sponde dell'oceano Atlantico.

Leggi tutto...

Gli orari della Arenaways: tutte le informazioni sulla compagnia ferroviaria!

L'Arenaways è una nuova compagnia ferroviaria che opera nel nord Italia e che ha come filosofia aziendale oltre al voler offrire una valida alternativa all'attuale monopolio di Trenitalia, quella di cercare di ridurre o eliminare gli effetti ambientali dei servizi.

Leggi tutto...

Il Clima in Oceania: quando viaggiare in Australia?

Le stagioni del clima Oceania sono invertite rispetto a quelle dell'emisfero Nord del pianeta.

Leggi tutto...

Clima Venezuela: temperature e meteo della regione

Il clima del Venezuela cambia a seconda della regione. In linea generale, il clima Venezuela è di tipo Tropicale caratterizzato da due stagioni: la stagione secca e quella delle piogge.

Leggi tutto...

Clima Kenya: scopri il periodo ideale per visitare il paese!

Il clima in Kenya cambia notevolmente da un’area all’altra. Anche se questo paese si trova sull’equatore, il clima non è di tipo equatoriale; la temperatura Kenya risulta influenzato dalla presenza mitigatrice dell’Oceano Indiano e dai numerosi rilievi.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Case in affitto a Formentera: le offerte più convenienti

A metà strada tra informazione e turismo. L’articolo che presentiamo oggi vuole essere uno spunto per l’organizzazione di una vacanza nella splendida isola di Formentera. Presentiamo infatti dei link all’interno dei quali potersi informare e poter prenotare la casa in affitto a Formentera. La popolazione cresce durante il periodo estivo, visto che l'isola è una delle mete preferite in Europa.

Leggi tutto...

Isole dei Caraibi, un viaggio nel Paradiso

Quanti di noi hanno sognato una vacanza rilassante in una delle affascinanti e bellissime isole dei Caraibi? Su un campione ipotetico di cento persone, molto probabilmente la quasi totalità sogna di passare una vacanza in una di queste isole, dove riposare corpo e mente, lontano anni luce dalla realtà quotidiana.

Leggi tutto...

Palma de Maiorca: spiagge fuori dal comune!

Maiorca è la maggiore tra le isole Baleari. Conta ben 750.000 abitanti, molti dei quali vivono nel capoluogo: sono in molti a scegliere le spiagge di Palma de Maiorca come destinazione per le vacanze, soprattutto nel periodo estivo; è facilmente raggiungibile dall'Italia e consente di trascorrere una vacanza tra bellezze naturali e culturali.

Leggi tutto...

Fattori climatici: tutti gli elementi da considerare!

Il clima, cosi come la temperatura o le precipitazioni, può influenzare molto la vita, anche quotidiana, di un paese.

Leggi tutto...

Clima subtropicale: quali zone interessa?

Il clima Subtropicale è presente in quelle aree geografiche al di sotto del Tropico del Capricorno e al di sopra del Tropico del Cancro e i 40° di Latitudine, in entrambi gli emisferi Australe e Boreale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

In vacanza tra le isole greche: ecco alcuni consigli

La vacanza estiva in Grecia è una tra le preferite da tanti viaggiatori italiani. Del resto come non appassionarsi alle tante piccole isole del mar Egeo o alle numerose città ricche di storia e di tradizioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...
Go to Top