L’Italia è un paese in cui le spiagge non mancano e che offre scorci pittoreschi in qualsiasi luogo, in particolare le isole e gli arcipelaghi che sono territorialmente italiani rivelano paesaggi incontaminati di struggente bellezza pur essendo ambite e frequentate mete turistiche, come l’Isola del Giglio, nell’Arcipelago Toscano, santuario marittimo e faunistico.

Una volta giunti a destinazione non ci si può chiedere quali sono le principali spiagge dell’isola del Giglio, perché sono tutte belle, uniche e turisticamente attrezzate per ogni tipologia di visitatore; ma per poter scegliere il proprio angolo di paradiso in vacanza al Giglio, la cosa migliore da fare è un giro in barca, circumnavigando l’isola per apprezzarne ogni cala e ogni insenatura.

Come circumnavigare l’isola del Giglio

mare puglia

Le coste gigliesi si sviluppano per 28 km e si prestano idealmente ad essere circumnavigate. Le coste dell’Isole del Giglio – a parte le principali località con le spiagge – sono pressoché incontaminate e selvagge e offrono scorci spettacolari, dalle calette isolate agli scogli di granito, alle scogliere a picco sul mare, agli speroni rivestiti di fitta vegetazione mediterranea e fondali unici che si intravedono dalle acque limpidissime. 

Il tour in barca parte dal Porto del Giglio proseguendo in direzione sud: appena scostati dal porto si ammira la Torre del Saraceno, in stile mediceo per prendere subito dopo il largo verso il gruppo di scogli detto delle Scole. Lungo la direzione sud si incontrano nell’ordine Punta Smeralda, Punta Torricella passando di fronte alla spiaggia delle Cannelle, proseguendo per punta Capo Marino, la Spiaggia delle Caldane, Cala degli Alberi e Punta del Tamburo. Prima di raggiungere l’estremità meridionale si incontrano Punta Corbaia, Cala Saracinesca e infine le grandiose formazioni di granito di Punta del Capel Rosso con il faro soprastante.

Risalendo verso nord, costeggiando il lato occidentale ripido e impervio si passa davanti a Punta del Serrono, Cala dell’Altura, lo scoglio di Pietrabona fino a Cala del Corve caratterizzata da una spiaggia con grossi massi e un anfratto laterale che conduce a una grotta. Superato lo scoglio della Cappa si giunge a Promontorio del Franco e qui la conformazione orografica cambia, passando dal granito alla roccia calcarea che si estende fino a Cala dell’Allume, il cui nome deriva proprio da una cava per l’estrazione del minerale attualmente abbandonata. La direttrice settentrionale conduce al Faraglione poco prima della baia del Campese che ospita alcune delle spiagge più belle del Giglio, per proseguire su fino a Punta del Fenaio, l’estremità settentrionale dell’isola con l’omonimo Faro. Puntando la rotta nuovamente verso sud la costa si addolcisce, presenta meno asperità e le calette sono più ospitali per approfittare e fare un tuffo o avvicinarsi agli scogli. Ripartendo da qui, si prosegue verso Punta del Morto e Punta della Croce fino a raggiungere Punta dell’Arenella, nota anche come Punta Tartaruga per la sua conformazione. Il turista, qui viene accolto dalla terza spiaggia per dimensioni del Giglio, spiaggia Arenella. Prima di rientrare al Porto si passa davanti a Cala Cupa – che si ritiene fosse l’antico porto usato dai Romani – e Punta del Lazzaretto con la torre di avvistamento a pianta quadrata e circondata da una pineta.

Il periplo dell’Isola del Giglio richiede una giornata, comprese le soste (senza soste si percorre in due ore). Il tour può essere effettuato con i taxi boat che svolgono servizio di navetta, oppure noleggiando una barca con la libertà di fermarsi dove e quando si vuole. Il noleggio non richiede la patente nautica, l’importante è rimanere sotto costa. Un’alternativa valida per gli sportivi è il periplo in kayak, ma le condizioni del mare devono essere ottimali e si richiedono almeno due giorni per via dell’impegno fisico richiesto.

Potrebbe interessarti

Etnaland e le sue attrazioni, uno dei migliori parchi divertimento siciliani

Etnaland e le sue attrazioni

Nato dal 2001 per rivalutare il parco faunistico adiacente, Etnaland è uno dei parchi acquatici più rinomati della Sicilia, e si trova a pochi chilometri da Catania.

Clima in Marocco: scopri le temperature del paese!

Immagine usata nell'articolo Clima in Marocco: scopri le temperature del paese!

Il clima in Marocco è vario a seconda della regione, in linea generale il clima in Marocco può essere definito clima continentale con precipitazioni non troppo intense nell’entroterra e di tipo mediterraneo lungo le coste.

Vacanze in camper, come organizzare il viaggio perfetto

vacanze in camper

Per le persone che decidono di fare le vacanze in camper è necessario curare con la massima attenzione ogni dettaglio, incluso il periodo prescelto per la partenza. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il Clima alle Bahamas: cosa mettere in valigia? Te lo spieghiamo noi

Immagine utilizzata nell'articolo Il Clima alle Bahamas: cosa mettere in valigia? Te lo spieghiamo noi

Le Bahamas sono uno stato insulare che appartiene all'America Centrale. L'arcipelago è formato da più di 700 isole di forma e grandezza diversa, a poca distanza da paradisi quali Cubai Caraibi e la Florida.

Tarragona: per una vacanza in spiaggia “panem et circenses”

Immagine usata nell'articolo Tarragona: per una vacanza in spiaggia “panem et circenses”

Una città assolutamente da visitare della Spagna, in cui la storia e l’arte si sono fusi nella vita quotidiana, è Tarragona sulla costa Daurada. La città gode del clima temperato e mite tipico delle zone che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Inoltre la località offre bellezze uniche e particolari tanto che l’insieme archeologico della città catalana è stato definito Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Monsoni: tutte le informazioni sulle regioni monsoniche

monsoni

Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

Leggi anche...

Camping sul mare, ecco perché scegliere queste mete

camping sul mare

Dopo aver trascorso un periodo invernale occupati con lavoro e diversi impegni, sia casalinghi che professionali, si ha voglia di passare qualche giorno estivo all’insegna del relax e del divertimento, in compagnia di amici, famiglia o del partner. Alcuni scelgono le mete di montagna e magari il soggiorno presso qualche hotel, mentre altri preferiscono il mare e installarsi in qualche camping all’aria aperta vicino ad esso. Ciascuna scelta evidenzia vantaggi e svantaggi e spesso questa si basa su necessità proprie o altrui.

Leggi anche...

Località sciistiche in Italia: ecco le le mete più importanti al mondo!

Località sciistiche in Italia

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi anche...

Clima in Thailandia: ecco il periodo migliore per un viaggio

Clima in Thailandia

Il clima in Thailandia è tropicale monsonico. Tuttavia a causa della sua conformazione geografica, la Thailandia, abbracciando ben 16° di latitudine, ha il clima più vario di tutto il Sud-Est asiatico. Il clima Thailandia è influenzato dai venti monsoni che originano tre stagioni meteorologiche a nord, ad est ed al centro, e due sole stagioni nell’area meridionale.

Go to Top