Il clima, cosi come la temperatura o le precipitazioni, può influenzare molto la vita, anche quotidiana, di un paese.

D'altronde, sebbene vi siano molteplici tipologie di clima in varie aree del pianeta, in questi ultimi anni tali tipologie si stanno sempre più modificando, determinando situazioni non consuete per i loro territori e conseguenti fenomeni climatici inattesi o particolarmente gravi. E, come detto, questi ultimi possono non solo influenzare la vita di una determinata area geografica, ma anche le attività di questa.

Basti pensare alle alluvioni che possono mettere in crisi un apparato produttivo industriale di un territorio, con conseguenze negative anche su un'intera economia nazionale che magari su quell'apparato basava la maggior parte dell'attività commerciale del Paese stesso. Se, invece, si dovesse considerare la graduale desertificazione di alcuni territori, questo potrebbe portare in un futuro non molto lontano ad un'emigrazione di persone di quei territori verso aree più ospitali, con conseguenze socio-economiche davvero pesanti.

Di conseguenza, oltre alle risorse idriche ed energetiche, anche il clima può essere considerato un fattore strategico determinante per le sorti di un'area geografica e, in generale, per gli equilibri politico-economici del pianeta. Il combattere i fattori che sono alla base dei cambiamenti climatici acclarati in atto rappresenta una delle sfide che i singoli Stati sono chiamati ad affrontare per evitare che proprio tali cambiamenti possano ritorcersi contro la stessa umanità.
Comunque, il termine "clima" tende a includere anche diversi fattori ed elementi che influenzano un ambiente o territorio geografico e la sua diversità è determinata proprio dalla varietà di questi fattori od elementi. Partendo dalla classificazione ed esposizione delle diverse tipologie del clima, si può passare ad una migliore comprensione sia dei fattori che degli elementi climatici che ne sono alla base.

Esistono diverse classificazioni per descrivere le caratteristiche climatiche di una zona geografica.

Tipologie di clima

In linea generale possiamo distinguere sul pianeta i seguenti tipi di clima:

  • Clima alpino
  • Clima continentale
  • Clima desertico
  • Clima steppico
  • Clima nivale
  • Clima temperato
  • Clima equatoriale
  • Clima mediterraneo
  • Clima polare
  • Clima subtropicale
  • Clima tropicale
  • Clima oceanico
  • Clima subartico

Con il termine “elementi climatici” si indicano gli eventi fisici misurabili che possono influenzare il clima di una data area geografica. Il fatto che tali fenomeni siano misurabili è fondamentale; la misurazione viene effettuata dalle stazioni meteorologiche. Gli elementi sono:

  • temperatura;
  • umidità (tasso);
  • Intensità, durata e frequenza delle precipitazioni;
  • pressione;
  • intensità e durata delle radiazioni solari;
  • nuvolosità;
  • velocità, direzione, raffiche del vento.

Uno sguardo sul clima

I fattori climatici sono l’insieme dei fattori che fanno variare gli elementi climatici. Essi si differenziano tra:

  • fattori climatici zonali, che producono variazioni regolari dall'equatore ai poli,
  • fattori geografici, che si presentano in modo differente in ogni località.

Quelli di tipo zonale sono:

  • la latitudine;
  • l’effetto serra;
  • la circolazione generale atmosferica, cioè gli scambi di calore tra aree calde e regioni più fredde.

I fattori geografici che influenzano gli elementi climatici e quindi il clima di un’area del pianeta sono:

  • l’altitudine. Aumentando l’altitudine, decresce la pressione e il tasso d’umidità, le temperature si abbassano e aumentano l'irraggiamento solare e, fino a una certa quota, i fenomeni di precipitazione;
  • le catene montuose, che bloccano i venti;
  • la vicinanza al mare. La presenza del mare mitiga le temperature e il clima;
  • le correnti marine, che influenzano il clima delle coste;
  • la vegetazione. Oltre alla flora, anche la fauna;
  • l’attività umana che può apportare cambiamenti all'ambiente naturale e agli ecosistemi;
  • i raggi solari più o meni forti e diretti.

Accordo sul clima: obbligatorio trovare un punto d’accordo

Il clima è una variabile troppo importante che i Paesi dovrebbero tenere a mente per trovare un accordo comune evitando l’innalzamento dell’emissione dei gas serra e il conseguente aumento delle temperature. E’ stata la Nasa a lanciare l’ultimo allarme: nel 2014 si è registrata la temperatura media più alta da quando vengono registrati questi valori, ossia dal 1880.

Un record quindi che ha battuto un archivio di 135 anni, con il 2014 che si erge in cima alla stagione più calda mai verificatesi in passato. I segnali tuttavia erano inequivocabili: in Italia, a novembre, si andava ancora in giro con giacche leggere e le temperature, prima del gelo post natalizio, non avevano mai gettato un allarme di freddo nelle coste italiche. Per non parlare dell’estate anomala, che ha visto un pessimo luglio dove gli stabilimenti balneari hanno avuto grandissime difficoltà ad andare avanti per via del calo delle prenotazioni (un esempio su tutti, Rimini) dovute all’incertezza del tempo, con la conseguenza che l’estate si è prolungata oltre settembre.

Qui non basta più parlare del classico mantra “non esistono più le stagioni di una volta” ma i leader dei Governi devono incontrarsi intorno in un tavolo perchè ne va della salvezza e della salute del Pianeta intero. La stessa Nasa ha ammesso che l’innalzamento delle temperatura è causato anche dall’attività dell’uomo, che per esempio nello bruciare combustibili fossili stimolano un aumento del diossido di carbonio, un particolare gas serra. Tutto ciò porta dunque ad aumento delle temperature degli oceani e della Terra. Tra le zone nel mondo dove si è registrato un consistente rialzo delle temperature, si segnalano diversi territori dell’Europa mentre negli Stati Uniti il valore è rimasto sotto la media. Prima del record del 2014, l’anno più caldo era stato il 2010, appena quattro anni fa, a testimonianza di un fenomeno che purtroppo si ripete ad intervalli brevi. Ciò che ora serve è un vasto accordo tra i Paesi più influenti del Pianeta per ridurre l’emissione dei gas serra e portare quindi ad una tutela della Terra; scherzando troppo con il fuoco, c’è il rischio di bruciarsi. I sei miliardi di persone che popolano il Pianeta non possono subire questa sorte.

Di conseguenza, si devono mettere da parte gli interessi economici e nazionali per fronteggiare un'emergenza che al momento può essere ancora affrontata, ma che col passare del tempo è destinata a superare un punto di non ritorno, superato il quale non potranno che determinarsi trasformazioni ambientali, sociali ed economiche, al momento solo immaginabili nella loro gravità.

 



Potrebbe interessarti

Ritardi aerei per sospetto terrorismo

Spesso accadono situazioni ai limiti dell’assurdo su alcuni voli di linea come nel caso dell’American Airlines in partenza da Filadelfia, in Pennsylvania. Il volo in oggetto ha visto protagonisti due passeggeri seduti vicino, in cui uno dei due ha allertato le autorità presenti a bordo per il suo vicino abbastanza sospetto. In pratica, dopo una breve conversazione con la persona seduta al proprio fianco, il passeggero ha ben pensato di chiamare lo staff aereo perché intimorito dal suo vicino e i suoi appunti in lingua straniera incomprensibili.

Leggi tutto...

Prezzi e indirizzi dell'Aquapiper: il parco acquatico di Guidonia

L’aquapiper è il parco divertimenti acquatico di Guidonia, a soli 20 minuti da Roma. Si trova al km 29.300 di via della Maremmana Inferiore – Guidonia Montecelio.

Leggi tutto...

In vacanza con la babysitter

E’ già tempo di pianificare le vacanze estive o, probabilmente, le avete già programmate. Avete mai pensato di portare la babysitter in vacanza con voi? Potrebbe essere un valido aiuto! E’ come una ragazza alla pari che, però, in questo caso vive con la famiglia solo per la durata della vacanza. Ecco i vantaggi e gli svantaggi di questa scelta:

Leggi tutto...

Vaccinazioni per Zanzibar: cosa prendere prima del viaggio

Prima di recarsi a Zanzibar, così come in altri paesi tropicali e dell'Africa in genere, è bene conoscere quella che è la situazione sanitaria, e se è il caso di effettuare particolari vaccinazioni prima della partenza.

Leggi tutto...

Carnet Trenitalia: ecco come risparmiare!

Per chi utilizza molto il treno, gli abbonamenti Trenitalia sono fondamentali. Ne esistono di diverse tipologie oltre che prezzo: prima dell'acquisto, scegliete bene in base all'utilizzo che farete della rete ferroviaria del paese.

Leggi tutto...

I più condivisi

Meteo Zanzibar a gennaio: alla scoperta di una perla africana

Una vacanza a Zanzibar è un’esperienza unica e indimenticabile. Nota come l’isola delle spezie perché da sempre fiorente mercato di chiodi di garofano e aromi esotici, Zanzibar con le sue bellezze e i suoi colori, attira turisti da tutto il mondo.

Leggi tutto...

Clima Mediterraneo

Caratteristiche clima Mediterraneo: Il clima Mediterraneo è caratterizzato da temperature e condizioni atmosferiche temperate e miti. Le estati sono calde ed asciutte, gli inverni sono piovosi ma miti con temperature che ogni tanto scendono sotto lo zero, le primavere sono piovose con giornate calde e l’autunno è caratterizzato da un clima non rigido.

Leggi tutto...

Case in affitto a Formentera: le offerte più convenienti

A metà strada tra informazione e turismo. L’articolo che presentiamo oggi vuole essere uno spunto per l’organizzazione di una vacanza nella splendida isola di Formentera. Presentiamo infatti dei link all’interno dei quali potersi informare e poter prenotare la casa in affitto a Formentera. La popolazione cresce durante il periodo estivo, visto che l'isola è una delle mete preferite in Europa.

Leggi tutto...

Clima e meteo in Croazia: scopri quando partire!

Il clima della Croazia varia a seconda della zona; è di tipo continentale caratterizzato da forti escursioni termiche nell’entroterra e di tipo mediterraneo con inverni non rigidi ed estati calde sulle coste. Durante i mesi invernali soffia la bora, il vento freddo che proviene da nord e che può anche essere molto violento; mentre in estate spira lo scirocco, un vento caldo che porta alte temperature e siccità.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Palma de Maiorca: spiagge fuori dal comune!

Maiorca è la maggiore tra le isole Baleari. Conta ben 750.000 abitanti, molti dei quali vivono nel capoluogo: sono in molti a scegliere le spiagge di Palma de Maiorca come destinazione per le vacanze, soprattutto nel periodo estivo; è facilmente raggiungibile dall'Italia e consente di trascorrere una vacanza tra bellezze naturali e culturali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Alto Adige: vacanze innevate per gli amanti degli sport invernali

Organizzare una vacanza nei mesi invernali in Alto Adige vuol dire vivere una bellissima esperienza fra i paesaggi meravigliosi delle Dolomiti godendo delle piste innevate e dei sentieri che riescono ad accontentare anche il turista più esigente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

I Monsoni: tutte le informazioni sulle regioni monsoniche

Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

Leggi tutto...
Go to Top