Le bellezze in cui ci si può imbattere nel corso di una gita al Lago d'Iseo sono tante e sorprendenti: stabilire un itinerario prima di un viaggio può essere utile per non rimanere disorientati. Si potrebbe cominciare, per esempio, dal parco di Luine, in Val Camonica: si tratta di un parco archeologico (ce ne sono altri sei in questa valle) che permette di osservare incisioni rupestri realizzate migliaia e migliaia di anni orsono. Le popolazioni nomadi che abitavano un tempo da queste parti apprezzavano la valle in quanto territorio di caccia: lo si può scoprire visitando il parco, arricchito con pannelli esplicativi e che accoglie anche resti di capanne e luoghi di culto.

Il Lago Moro

Vicino al Lago d'Iseo c'è anche il Lago Moro, che fa parte dei territori di Angolo Terme e di Darfo Boario Terme: è un lago alpino di piccole dimensioni, a 381 metri sul livello del mare (ma nonostante ciò è considerato un lago montano). A seconda del periodo dell'anno in cui lo si visita, può capitare che sia ghiacciato, anche se solo parzialmente. Sulle sue rive si affaccia il centro abitato di Capo di Lago, un borgo molto caratteristico. A proposito di borghi suggestivi, comunque, vale la pena di fare tappa anche a Lovere, in provincia di Bergamo.

Questo paesino è collocato a nord-ovest del Lago d'Iseo, ed è ideale per tutte le coppie che si vogliono concedere una gita all'insegna del romanticismo. Vera e propria poesia traspira dai vicoli del borgo e dal lungolago perfetto per una passeggiata, ma anche chi è appassionato di storia può vedere soddisfatti i propri bisogni esplorando la Chiesa di San Giorgio o un altro illustre esempio di architettura religiosa come la Basilica di Santa Maria in Valvendra.

Monte Isola e Sulzano

Per una escursione barca vela Lago d'Iseo si può partire da Sulzano, anche se in realtà sono molte le località che mettono a disposizione, tramite società specializzate, un servizio di questo tipo. L'esperienza che si vive solcando le acque del Sebino è davvero unica, e non è un caso che questo contesto sia stato scelto un paio di anni fa dall'artista Christo per la sua installazione denominata The Floating Piers, che ha attirato turisti da ogni angolo d'Italia e anche dall'estero. A bordo di una barca a vela, il paesaggio appare ancora più accattivante, anche per la visione di Monte Isola, vale a dire l'isola lacustre più grande di tutto il Vecchio Continente.

Iseo

Può mancare una visita alla città che dà il nome al lago? Ovviamente no, anche perché Iseo rappresenta il punto di partenza ideale per andare alla scoperta di molte altre località della provincia bresciana, inclusa la Franciacorta, terra di vitigni e di bottiglie di pregio. Poco distante dalle Torbiere del Sebino, Iseo abbina il paesaggio lacustre con quello montano: una vera delizia. Nel giro di pochi minuti si giunge alla riserva naturale delle torbiere, un ambiente acquitrinoso e paludoso che risulta ancora più magico se si ha l'occasione di osservarlo quando è ghiacciato.

Il Monastero di San Pietro in Lamosa

Il Monastero di San Pietro in Lamosa si incontra se si decide di cominciare dal versante meridionale il percorso delle torbiere; questo edificio si trova nel territorio di Provaglio d'Iseo, e in occasione delle festività natalizie ospita una celebre mostra di presepi. Anche a Monte Isola, comunque, si può ammirare un monastero altrettanto maestoso ed evocativo.

Ammirare la via Valeriana

Fra il lago d’Iseo e la Val Camonica vi sono varie testimonianze del periodo romano; un esempio è il Santuario di Minerva vicino a Breno e il Teatro e l’Anfiteatro di Cividate Camuno. Le testimonianze romane, però, non sono soltanto edifici: fra Pilzone d’Iseo e Pisogne, infatti, si snoda la strada antica che sino al 1850 non era che l’unico collegamento fra Brescia e la Val Camonica. Era ed è una stradina in parte acciottolata che attraversava le colline dalla bresciana sponda del lago d’Iseo, donando, a coloro che la percorrono, dei panorami tutt’oggi stupendi.

Se amate il trekking, oltre ad ammirarla dalla barca a vela, l’antica via Valeriana è perfetta per abbinare le attività sportive alla scoperta dei territori.

Dopo il lago anche il centro

Il nome che caratterizza il lago è ovviamente legato al bel paese di Iseo, una delle cittadine più popolate fra quelle che si affacciano sul lago. A suo favore ha il bel centro con la piazza Garibaldi, il bel lungolago con i tanti bar in cui rilassarsi assaporando una fresca e dissetante bevanda con vista lago ed in più molto negozi in cui fare shopping e acquistare dei souvenir. Iseo è ideale per trascorrere qualche ora di spensieratezza sia da soli che in compagnia.

Dal pontile partono, inoltre, i traghetti e le barche a vela che portano i turisti a scoprire il lago presso il quale, a Ferragosto, si svolge anche uno spettacolo pirotecnico da non perdere!

La vista del Lago dal Monte Guglielmo

Il Monte Guglielmo o come è chiamato nel dialetto bresciano “Gölem” si identifica certamente come nei “dintorni del lago d’Iseo” perché non si può certamente inserirlo nel classico giro del lago in quanto è un trekking poco impegnativo in termini di fatica ma che richiede oltre mezza giornata di tempo. La sua visita è comunque consigliata se desiderate vedere il meraviglioso panorama di tutto il lago, Montisola e l’Adamello.

La cima, su cui si trova la statua al Redentore, è di circa 1950 metri sul lm e vi sono vari sentieri per raggiungerla.

 

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group