Dopo un inverno passato a lavorare, magari tra impegni professionali e familiari stressanti, finalmente si arriva alle porte dell'estate e si può cominciare a pensare a qualche giorno di relax passato in una bella località turistica balneare oppure di montagna, in Italia oppure all'estero. Tuttavia, per coloro che posseggono dei bambini, bisogna anche considerare la loro presenza, se non si vuole lasciarli magari a casa dei nonni. A questo punto possono sorgere quindi delle questioni da valutare.

E’ già tempo di pianificare le vacanze estive o, probabilmente, le avete già programmate. Avete mai pensato di portare la babysitter in vacanza con voi? Potrebbe essere un valido aiuto! E’ come una ragazza alla pari che, però, in questo caso vive con la famiglia solo per la durata della vacanza. Ecco i vantaggi e gli svantaggi di questa scelta:

Vantaggi

  1. È di supporto alla famiglia. La vacanza è un’importante occasione che hanno i genitori per trascorrere del tempo prezioso coi propri figli. Tuttavia, anche mamma e papà hanno bisogno di rilassarsi e di dedicare del tempo a loro stessi. La babysitter non si sostituisce alla famiglia, ma aiuta notevolmente i genitori nella gestione dei bambini.
  2. Intrattiene i bambini con giochi divertenti. Diventerà un perfetto compagno di giochi per i vostri figli! Le babysitter spesso sono ragazze o ragazzi giovani che entrano facilmente in sintonia con i piccoli, soprattutto per quanto riguarda il momento del gioco perché, generalmente, hanno fantasia ed energie da vendere.
  3. Può esservi d’aiuto nelle faccende domestiche se decidete di alloggiare in appartamento, oppure vi può aiutare nelle commissioni quotidiane, come fare la spesa, cucinare, ecc.
  4. Può prendersi cura dei vostri bambini se decidete di ritagliarvi qualche momento di intimità come coppia. Inoltre, se i vostri figli hanno età diverse, la babysitter può prendersi cura di uno o due dei vostri bambini e voi, nel frattempo, potete dedicare le vostre attenzioni all’altro o agli altri.
  5. Avete la possibilità di monitorare il comportamento della babysitter con i bambini, perché voi siete presenti. Se dovesse verificarsi un problema di qualsiasi natura, voi siete lì con i vostri figli. Siete la loro migliore protezione.
  6. Per le mamme che viaggiano da sole con i figli, la babysitter è anche una fidata compagna di viaggio. E’ vero che si tratta pur sempre di un rapporto lavorativo, ma è chiaro che all’interno di un contesto così informale e familiare, si può instaurare un bel rapporto di amicizia.

In generale, come si può notare, una babysitter si presenta come un valido aiuto in tantissime circostanze, da quelle riguardanti le necessità dei propri bambini fino a quelle relative ai genitori. Se la persona è conosciuta ed affidabile e con la quale si è instaurato un consolidato rapporto amichevole, potrebbe essere un'amica in più con cui divertirsi in vacanza e che permette di rilassarsi in maniera più serena durante il periodo. Naturalmente, bisogna anche tener presenti alcuni aspetti negativi della sua presenza.

Svantaggi

  1. La spesa può essere considerevole. Tenete conto che è necessario pagare vitto e alloggio alla babysitter e bisogna prevedere anche un compenso settimanale per le ore di lavoro richieste. A tal proposito, definite in anticipo i compiti richiesti e le attività che dovrà svolgere, al fine di evitare eventuali incomprensioni. Non dimenticate, inoltre, di concederle almeno uno, se non due, giorni di riposo alla settimana (naturalmente, quest’ultimo aspetto dipende dalla durata della vacanza).
  2. Può limitare la vostra privacy familiare. Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di cercare la babysitter nella località presso cui trascorrerete le ferie. Questa alternativa, inoltre, comporta minori costi, perché non richiede il pagamento dell’alloggio. Tuttavia, se prendete in considerazione l’idea di portare la vostra babysitter con voi in vacanza, vi consiglio di fornirle una camera privata. E’, infatti, importante che ciascuno abbia i propri spazi. Ciò renderà l’esperienza più piacevole per tutti.
  3. E’ una vostra responsabilità. Se succedesse qualche imprevisto o se la babysitter dovesse ammalarsi, dovrete assicurarvi che riceva tutte le cure e le attenzioni che le spettano.

Anche in questo caso, esistono elementi che farebbero sconsigliare la compagnia di una babysitter durante una vacanza, soprattutto i fattori economici (i costi di vitto, alloggio e la stessa retribuzione non sono minimi) ed eventuali incidenti o infortuni alla persona. La scelta di una babysitter locale presenta diversi aspetti positivi, tuttavia grandi svantaggi sono la poca conoscenza della stessa e, nel caso si andasse all'estero, anche la questione della lingua e delle modalità di trattamento dei bambini (che potrebbero essere diverse rispetto all'Italia).

Per quanto i figli siano la gioia più grande dei genitori, a volte si desidera un po’ più tempo libero, sia per se stessi che per la coppia, lontano da responsabilità e stress. Ecco che la babysitter è la figura che può corrispondere a questo tipo di esigenze.

Se decideste di prendere in considerazione questa scelta, ricordatevi di conoscere la persona che verrà con voi prima della vacanza. Oggigiorno è possibile cercare babysitter o tate su dei siti Internet specializzati. Tuttavia, visti i pericoli presenti sul web, è fondamentale basarsi su un profilo completo ed esaustivo, comprensivo, se possibile, di recensioni e referenze. Inoltre, conoscersi di persona, organizzando un incontro prima della partenza, è fondamentale. Portate con voi i bambini all’appuntamento: è importante che si instauri un rapporto di fiducia sin da subito con chi si occuperà di loro.

Infatti risulta essenziale cercare di conoscere subito la persona che dovrà badare ai piccoli e trattenerli per diverse ore. Se le referenze sono importanti, anche una conoscenza diretta potrà tuttavia essere in grado di far capire se una persona sia giusta per un ruolo così delicato ed importante. Poi, non ci si deve mai fermare alla prima babysitter, ma è consigliabile visionarne e conoscerne diverse, per effettuare successivamente la scelta che si ritiene maggiormente adeguata ed idonea alle esigenze proprie e dei bambini.

Se pensate che sia la persona giusta, incontratevi altre volte per iniziare a tessere una relazione non solo di tipo lavorativo, ma anche di fiducia e amicizia.

Una volta presa la decisione finale, non vi resta che pianificare il viaggio e soprattutto le attività che la babysitter dovrà svolgere ...e, infine, godetevi la vacanza!

E voi? Portereste la babysitter in vacanza? E se no, perché?



Potrebbe interessarti

Il Clima alle Maldive: temperature e meteo nelle isole

Il clima alle Maldive è di carattere tropicale e condizionato dalla presenza dei monsoni. I venti monsonici caratterizzano due stagioni: l’inverno asciutto e l’estate umida.

Leggi tutto...

San Francisco: com’è il clima?

Gli Stati Uniti rappresentano sempre tra le mete più gettonate per effettuare dei viaggi all'estero e tra le varie località americane più ambite vi è senza alcun dubbio l'affascinante e vivace San Francisco, in California. Questa, infatti, è considerata la più europea tra le metropoli statunitensi e presenta, a coloro che la visitano, una sorta di miscuglio tra stili architettonici, cultura e tradizioni delle due sponde dell'oceano Atlantico.

Leggi tutto...

Come organizzare una crociera sui Fiordi Norvegesi

Una delle mete più affascinanti per una crociera d ricordare è la Norvegia, una nazione caratterizzata da un paesaggio di grande impatto e spesso del tutto incontaminato. Per queste ragioni parliamo di un luogo molto ricercato per trascorrere le vacanze su una nave, per questo una crociera sui fiordi norvegesi è un’esperienza indimenticabile, che ti fa vivere appieno queste straordinarie bellezze della natura che possono essere gustate a pieno solo per mare.

Una delle mete più affascinanti per una crociera d ricordare è la Norvegia, una nazione caratterizzata da un paesaggio di grande impatto e spesso del tutto incontaminato. Per queste ragioni parliamo di un luogo molto ricercato per trascorrere le vacanze su una nave, per questo una crociera sui fiordi norvegesi è un’esperienza indimenticabile, che ti fa vivere appieno queste straordinarie bellezze della natura che possono essere gustate a pieno solo per mare.

Località e luoghi da visitare in Norvegia


Per organizzare una crociera sui fiordi norvegesi c’è innanzitutto da capire il giusto itinerario, scegliendo tra le molte promozioni offerte dalle compagnie marittime, quella più vicina alle proprie esigenze.

Inoltre bisogna tenere in considerazione la durata della vacanza, in quanto si tratta di un territorio estremamente ampio in cui le crociere più lunghe, che arrivano molto a nord nelle prossimità del Circolo Polare Artico, possono durare anche due settimane.
Tra i luoghi più belli da visitare ci sono assolutamente i fiordi norvegesi di Geiranger, nota per ospitare la via dei Troll, una valle magica con un paesaggio surreale ed emozionante.

Non può assolutamente mancare una gita ai fiordi di Oslo, la capitale, che con le sue moltissime isole è un luogo perfetto per passare qualche giorno contemplando la calma di questi posti unici al mondo, o per scendere e fare una passeggiata in una delle varie cittadine in uno stile tutto scandinavo.

Per i più coraggiosi segnaliamo anche Pulpit Rock (il suo nome originario sarebbe Preikestolen), una roccia che cade a picco sul fiordo di Lyse che con i suoi 600 metri di altezza consente di godere di un panorama incredibile.
Non essendoci nessun tipo di protezione è un itinerario particolarmente suggestivo ma, assolutamente non adatto per chi soffre di vertigini.

Quando partire?
Il periodo preferito per una crociera alla conquista dei fiordi norvegesi è sicuramente periodo estivo, quando il ghiaccio e le temperature polari si defilano lasciando il posto all’incredibile spettacolo tratteggiato dal risveglio della natura nordica. Partire da maggio a settembre assicura un clima mite e giornate calde e notti fresche, ideali per dormire serenamente.
Ovviamente non bisogna confondere il periodo estivo della Norvegia con quello italiano, quindi è raccomandabile preparare un abbigliamento adatto, con vestiti adeguati sia a calde e soleggiate giornate di bel tempo, che a quelle più fredde e soprattutto ventose.

L’ideale quindi è partire in estate ma prepararsi con abiti primaverili, che possano essere tolti con facilità in caso di sbalzi termici, oltre a una reflex di buona qualità immancabile per immortalare i paesaggi di rara bellezza che solo questo spicchio di paradiso sa regalare ai fortunati visitatori!

Clima Venezuela: temperature e meteo della regione

Il clima del Venezuela cambia a seconda della regione. In linea generale, il clima Venezuela è di tipo Tropicale caratterizzato da due stagioni: la stagione secca e quella delle piogge.

Leggi tutto...

Carnet Trenitalia: ecco come risparmiare!

Per chi utilizza molto il treno, gli abbonamenti Trenitalia sono fondamentali. Ne esistono di diverse tipologie oltre che prezzo: prima dell'acquisto, scegliete bene in base all'utilizzo che farete della rete ferroviaria del paese.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il clima in Asia: a cosa va incontro chi viaggia verso l'Oriente?

Parlare di vacanze in Asia significa aprire un mondo enorme per il quale non basterebbero anni. Le mete sono numerose e molto differenti: dai territori selvaggi del Laos, alla densissima Cina; dall'antica Cambogia all'ipertecnologico Giappone.

Leggi tutto...

Alla scoperta dei Caraibi: meteo e temperature

ll clima ai Caraibi è tipicamente tropicale. Le temperature sono gradevoli e si attestano su una temperatura media annuale di 25 gradi centigradi con un’escursione termica da una stagione all'altra di circa 3°C o 5°C, per 365 giorni l'anno, rendendo il mare caldo e piacevole.

Leggi tutto...

Clima subtropicale: quali zone interessa?

Il clima Subtropicale è presente in quelle aree geografiche al di sotto del Tropico del Capricorno e al di sopra del Tropico del Cancro e i 40° di Latitudine, in entrambi gli emisferi Australe e Boreale.

Leggi tutto...

Clima Appenninico in Italia: meteo e temperature

Il clima Appenninico influenza tutta la catena montuosa appenninica che si estende lungo l’Italia peninsulare.

Leggi tutto...

Una vacanza fai da te In Sardegna...mete e noleggio barca a vela

La Sardegna è uno dei luoghi più apprezzati da parte dei turisti durante il periodo estivo. Sull'isola sarda ci sono moltissime mete consigliate da visitare per vivere un'esperienza indimenticabile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tarragona: per una vacanza in spiaggia “panem et circenses”

Una città assolutamente da visitare della Spagna, in cui la storia e l’arte si sono fusi nella vita quotidiana, è Tarragona sulla costa Daurada. La città gode del clima temperato e mite tipico delle zone che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Inoltre la località offre bellezze uniche e particolari tanto che l’insieme archeologico della città catalana è stato definito Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Alto Adige: vacanze innevate per gli amanti degli sport invernali

Organizzare una vacanza nei mesi invernali in Alto Adige vuol dire vivere una bellissima esperienza fra i paesaggi meravigliosi delle Dolomiti godendo delle piste innevate e dei sentieri che riescono ad accontentare anche il turista più esigente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Clima Mauritius: quando visitare il paese

Da diversi anni sono considerate una delle mete turistiche migliori da visitare per vacanzieri italiani ed europei in generale, le Isole Mauritius rappresentano un vero e proprio paradiso terrestre per coloro che vogliono rilassarsi in un ambiente naturale bellissimo e selvaggio, tuttavia senza rinunciare a diversi comfort.

Leggi tutto...
Go to Top