L'isola di Zanzibar è una delle mete turistiche più ricercate negli ultimi anni, a causa della vicinanza con gli stati africani più suggestivi come Kenya e Tanzania, sia per le magnifiche spiagge.

La principale spiaggia di Zanzibar è quella di Kiwengwa, presa oramai d'assalto dai turisti di tutto il mondo, e particolarmente dagli italiani.

Posizione geografica di Kiwengwa

Kiwengwa è una spiaggia sulla costa est dell'isola di Unguja, l'isola principale dell'arcipelago di Zanzibar. A causa della sua posizione e della sua bellezza, la spiaggia ospita numerosi alberghi a conduzione italiana.

Sempre su questa spiaggia i turisti possono scegliere di soggiornare in uno dei tanti villaggi turistici, fra cui il Veraclub, il villaggio Francorosso, il Bravoclub ed il villaggio del Ventaglio.

Quando e dove soggiornare

Il periodo ottimale per soggiornare sulla spiaggia Kiwengwa di Zanzibar è certamente quello compreso fra dicembre e marzo: in questi mesi il clima è particolarmente benevolo e non si rischia di finire inzuppati da qualche pioggia monsonica.

Le strutture principali che ospitano i turisti nella zona si trovano tutte a circa 40 minuti di distanza dalla capitale dello Zanzibar, Stone Town.

Per chi atterra in aereo, basta un'ora di viaggio per arrivare direttamente in uno dei vari villaggi che offrono bungalow sulla spiaggia, ricreando lo stile di un villaggio africano.

Tutti i principali villaggi turistici offrono momenti di relax grazie alle piscine, alle ampie aree per lo shopping ed il buffet, e ai lunghi viali dove incamminarsi per passeggiare nella natura rigogliosa dei giardini locali.

Clima e meteo

La posizione di questo paese influisce sul fatto che vi sia una bassa escursione termica durante l'anno. Le temperature variano intorno ai 25 °C. Il clima di conseguenza si basa su due stagioni: secche (da dicembre a febbraio e da giugno ad ottobre) e piovose (da marzo a maggio e il mese di novembre).

Consigli di viaggio per chi visita Zanzibar e la sua spiaggia più famosa

Negli ultimi anni quest’isola esotica è divenuta una delle mete preferite, soprattutto dagli italiani, in particolare Kiwengwa definita addirittura “la spiaggia degli italiani”. Qui troverete molte delle strutture ricettive gestite proprio da connazionali, ogni hotel ha la sua porzione di spiaggia privata a disposizione dei propri ospiti, ma è possibile sfruttare anche la parte “libera” frequentata principalmente da gente del posto.

La vita notturna, per chi desidera uscire dai resort, è viva grazie a piccoli locali sul mare mentre i pescatori potranno farvi da guida con le loro barche alla scoperta della barriera corallina. Incantevole e suggestivo è il panorama marino che si presenta agli occhi dei turisti durante la bassa marea. La spiaggia diventa colorata ed è persino possibile arrivare alla barriera semplicemente con una passeggiata, di circa un km, che vi permette di ammirare uno splendido mare ricco di coralli, stelle marine e pesci di vario tipo. Proprio per la bassa marea tipica del pomeriggio, è consigliabile fare snorkeling allontanandovi un po' verso altre coste dell’isola. Tra queste l’ideale è Mnemba, che presenta un fondale basso perfetto per chi ama le immersioni a filo d’acqua.

Cosa vedere nelle vicinanze

Avete voglia di alternare le giornate al mare con qualche escursione? Allora non potete perdere una visita a Stone Town, la capitale di Zanzibar che è stata dichiarata patrimonio Unesco. Qui vi consigliamo di immergervi tra le viette ed entrare nei negozi di spezie e di artigianato locale, dove respirerete l’antica tradizione della loro lavorazione.

Una curiosità: qui nacque il cantante del gruppo britannico dei Queen, Freddy Mercury, la sua casa oggi è un albergo ma non troverete dediche o omaggi al suo ricordo (solo una piccola targa dorata con il nome nella via), perché la popolazione in gran parte musulmana, lo ha praticamente rinnegato. Merita una gita anche la foresta Jozani, caratterizzata da una ricca vegetazione di mangrovie e in cui abita la scimmia rossa, che potete facilmente fotografare. Menai Bay invece è il tratto di costa in cui le tartarughe marine depongono le uova e merita sicuramente una visita.



Potrebbe interessarti

Meteo Sud Africa: quando partire?

Il meteo in Sud Africa è vario perchè condizionato da tre fattori: dalla vasta estensione territoriale, dall’altitudine e dalla vicinanza con il mare. Infatti, questo esteso territorio è costituito da montagne, praterie, steppe, boscaglie, deserti di sabbia rossa e pianure costiere.

Leggi tutto...

Gli orari della Arenaways: tutte le informazioni sulla compagnia ferroviaria!

L'Arenaways è una nuova compagnia ferroviaria che opera nel nord Italia e che ha come filosofia aziendale oltre al voler offrire una valida alternativa all'attuale monopolio di Trenitalia, quella di cercare di ridurre o eliminare gli effetti ambientali dei servizi.

Leggi tutto...

Clima della Colombia: le informazioni prima del viaggio!

La Colombia si trova proprio sull’equatore; uno spartiacque tra l’America del Nord e quella del Sud. Questa nazione comprende anche tante isole, le principali sono: Gorgonia, Santa Catalina, Providencia la Isla del Rosario e San Andres. Il territorio è attraversato dalla Cordigliera delle Ande che presenta vette che raggiungono anche i 5800 metri e, per questa ragione, il clima della Colombia è piuttosto vario.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Il Clima in Oceania: quando viaggiare in Australia?

Le stagioni del clima Oceania sono invertite rispetto a quelle dell'emisfero Nord del pianeta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Clima a Zanzibar: il periodo giusto per viaggiare!

Il clima Zanzibar è di tipo tropicale e quindi soggetto a cambiamenti anche repentini; in una giornata di sole è facile che si verifichi un abbondante acquazzone che però può durare solo 5 minuti.

Leggi tutto...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Clima Appenninico in Italia: meteo e temperature

Il clima Appenninico influenza tutta la catena montuosa appenninica che si estende lungo l’Italia peninsulare.

Leggi tutto...

Temperature in Russia: scopri quando partire!

Le temperature in Russia sono simili a quelle registrate nei paesi Scandinavi. Il clima di questa zona del pianeta è freddo, ma secco. Tale caratteristica climatica fa si che si percepisca meno il gelo. 

Leggi tutto...

Alto Adige: vacanze innevate per gli amanti degli sport invernali

Organizzare una vacanza nei mesi invernali in Alto Adige vuol dire vivere una bellissima esperienza fra i paesaggi meravigliosi delle Dolomiti godendo delle piste innevate e dei sentieri che riescono ad accontentare anche il turista più esigente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gatteo Mare: il massimo del relax per la tua estate al mare

La destinazione per le proprie vacanze non è mai facile da scegliere così su due piedi: c’è chi è tipo da escursione, chi da montagna e chi invece è spiccatamente tipo da mare. Se vi sentite di rientrare in quest’ultima categoria, sappiate che Gatteo Mare ha qualcosa da offrirvi: gusto e freschezza, leggerezza del mare unita al relax, al sole ed al cibo tipicamente locale, infatti, sono gli elementi che rendono questa località vincente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Leggi anche...

I Monsoni: tutte le informazioni sulle regioni monsoniche

Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

Leggi tutto...
Go to Top