Se fino a qualche decennio fa la maggior parte delle persone si spostava, per motivi personali o professionali, in treno o al massimo in automobile (se il tragitto da percorrere era breve), recentemente tali mezzi di spostamento sono stati sempre più sostituiti dagli aerei. Questi infatti tendono ad offrire diversi vantaggi ai viaggiatori, soprattutto in termini di facilità e velocità di spostamenti, in particolare per tragitti lunghi. Un successo che, nonostante il miglioramento nel corso del tempo dei collegamenti ferroviari, sta continuando ancora oggi.

Viviamo in un periodo storico in cui i viaggi in aereo sono diventati di routine: negli ultimi 20anni, infatti, il trasporto aereo ha registrato una crescita esponenziale, frutto anche dell'arrivo delle compagnie low-cost che hanno di fatto reso gli spostamenti per via aerea accessibili per tutti. Con l'aumento del traffico e delle compagnie da gestire è stato inevitabile un incremento delle problematiche a carico dei passeggeri, che spesso devono fare i conti con ritardi e cancellazioni dei voli.

Ovviamente, le compagnie aree si adoperano per limitare al minimo i disagi e i problemi ai passeggeri, attuando strategie di contenimento per i ritardi ma questi sono spesso inevitabili. Sono tante le cause che possono portare al ritardo o alla cancellazione di un volo, alcune di queste sono al di là delle responsabilità della compagnia aerea, come per esempio le avverse condizioni meteo, gli scioperi aeroportuali e altre situazioni che non possono essere imputate, per dolo o per colpa, alle dirette volontà del vettore.

Cancellazione e ritardi

In alcune circostanze, invece, le cancellazioni e i ritardi sono da ascrivere alla responsabilità, diretta o indiretta, della compagnia: è il caso dei guasti ai velivoli, del protrarsi delle operazioni di manutenzione, della disorganizzazione e di tutte quelle fattispecie che, in un modo o nell'altro, derivano direttamente da una negligenza della compagnia aerea.
I ritardi e le cancellazioni, nonché i negati imbarchi, causano inevitabilmente un disagio nel passeggero, qualunque sia il motivo del suo viaggio.

Pensiamo ad esempio ad importanti appuntamenti di natura lavorativa per un professionista e le conseguenze per la sua società o per la sua carriera nel caso saltasse un incontro fondamentale con altri interlocutori, magari stranieri. Stesso discorso si potrebbe fare nel caso si dovesse prendere un aereo per motivi personali, come la partecipazione ad un evento importante (matrimonio o laurea) per un amico o familiare. Tutte situazioni che provocano non soltanto disagio pratico e problemi di varia natura, ma anche stress emotivo nel soggetto coinvolto. 

Ancor più complicata è la situazione dei voli composti, ossia quelli che implicano uno scalo per raggiungere la meta finale. Non di rado, infatti, per effettuare un collegamento da A a C, il passeggero deve prima fare scalo a B, dove prende un altro aereo per concludere il viaggio. Se il primo aereo accumula un ritardo tale da impedire al passeggero di salire sul secondo, o eventualmente sul terzo, cosa succede? A queste e ad altre domande simili rispondono siti di settore come RisarcimentoVolo.it, che aiuta i passeggeri a dirimere le situazioni più complesse e ad avviare le operazioni di risarcimento previste dalla legge, offrendo supporto e assistenza per tutte le pratiche di rimborso.

Come deve comportarsi il passeggero?

Tra le situazioni più complesse c'è senz'altro quella che coinvolge i passeggeri che, per loro sfortuna, si trovano a fare i conti con collegamenti composti. Infatti, capita spesso che per i collegamenti a più ampio raggio sia necessario effettuare uno scalo in un aeroporto intermedio. Va da sé, quindi, che aumentando il numero di aerei che è necessario utilizzare per compiere il viaggio, aumenti anche il rischio di cancellazioni. Qualora uno dei due aerei subisca un ritardo tale da pregiudicare il proseguo del viaggio o venga direttamente cancellato dalla compagnia aerea, come deve comportarsi il passeggero?

Ovviamente, chi è incorso in una simile fattispecie ha diritto a essere risarcito, sempre e comunque, perché sia in caso di ritardo, che soprattutto di cancellazione, al passeggero viene impedito di raggiungere la destinazione finale per la quale lui ha pagato il biglietto. Questo vale esclusivamente per i viaggi per i quali il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio che prevede più tappe per il raggiungimento della destinazione finale: se il passeggero ha acquistato biglietti separati, realizzando un viaggio composito fai-da-te, decade ogni fattispecie di "coincidenza" ma il rimborso è dovuto solo per il ritardo, se supera le due ore, per la cancellazione o il negato imbarco.

Il primo elemento da prendere in considerazione per calcolare l'entità del rimborso dovuto per la perdita di una coincidenza di un viaggio è la distanza.

Quando ci si trova a effettuare questi calcoli con voli diretti, la questione è molto semplice ma si complica quando il viaggio è diviso. In questo caso, la distanza va calcolata su quella effettiva che intercorre tra il primo aeroporto e l'ultimo o va calcolata sulla base delle miglia per ogni tratta? Questo è un dubbio fondamentale per la compilazione di una corretta richiesta di risarcimento.

Secondo le norme e le direttive previste dall'Unione Europea, la distanza va calcolata tra il punto di inizio del viaggio e la destinazione finale. Infatti, considerando che il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio, la fattispecie che questo preveda delle soste intermedie è irrilevante, dal momento che quel che conta è la destinazione finale del viaggio. La Corte di Giustizia Europea è recentemente intervenuta in merito, sentenziando che, viste le modalità di questi viaggi, il volo va considerato diretto, escludendo dal computo le soste intermedie.

Quindi, anche se l'aereo effettua uno o più scali, questi non vanno considerati ma va calcolata la rotta ortodromica dal punto A al punto C. La rotta ortodromica è un'ideale linea retta che collega l'aeroporto di partenza da quello di atterraggio: sulla base di questa vengono calcolate le fasce chilometriche per il rimborso.

La compensazione pecuniaria per i passeggeri che sono stati vittime di ritardi, cancellazioni e negati imbarchi varia tra 250 euro e 600 euro, in base alla fascia chilometrica:

  • 250 euro di risarcimento per voli entro i 1500km
  • 400 euro di risarcimento per i voli tra i 1500 km e i 3500 km
  • 600 euro di risarcimento tutti i voli che superano i 3500 km

Il passeggero può anche chiedere servizi supplementari a scelta tra:

  • volo sostituivo
  • rimborso del biglietto
  • rimborso del biglietto oggetto del contendere e nuovo biglietto per tornare al punto di partenza.

Ricordiamo che, secondo i regolamenti europei, tali rimborsi possono essere richiesti sia per voli con compagnie di bandiera che per voli low-cost e charter. Poi, oltre al rimborso, un passeggero ha diritto ad assistenza in loco e cioè supporto immediato da parte delle compagnie aeree (nel caso si verificassero problemi o ritardi con i voli), ma soltanto in alcune circostanze particolari. Nello specifico:

  • per i voli inferiori o pari ai 1.500 km, nel caso il ritardo fosse di almeno due ore;
  • per voli all'interno della UE superiori ai 1.500 km e per tutti gli altri tra i 1.500 ed i 3.000 km, il ritardo deve essere di almeno tre ore;
  • per le restanti tipologie di voli, il ritardo deve essere di almeno quattro ore.

Per assistenza in loco si intende generalmente che la compagnia aerea possa permettere al viaggiatore l'accesso ad un telefono e l'offerta di bevande, vitto, alloggio e trasporto all'alloggio.

Come si puo notare, quindi, se un ritardo aereo causa disagi evidenti e di diversa natura per una persona, la compagnia deve non soltanto rimborsarla, ma alleviare e ridurre tali disagi subiti nel minor tempo possibile.

Potrebbe interessarti

Clima alle Canarie: cosa mettere in valigia e quando conviene andare

Immagine utilizzata nell'articolo Clima Canarie: cosa mettere in valigia e quando conviene andare

Con questa denominazione si intendono le isole La Palma, El Hierro, La Gomera, Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote. 

Temperature in Russia: scopri quando partire!

Immagine usata nell'articolo Temperature in Russia: scopri quando partire!

Le temperature in Russia sono simili a quelle registrate nei paesi Scandinavi. Il clima di questa zona del pianeta è freddo, ma secco. Tale caratteristica climatica fa si che si percepisca meno il gelo. 

Il clima in India: scandito dall'influenza dei monsoni

Il clima in India: scandito dall'influenza dei monsoni

Il clima Indiano è influenzato dalla presenza dei venti monsonici; alcune volte l’arrivo del monsone è festeggiato dalle popolazioni locali poiché mitiga l’intenso caldo estivo. Le alte temperature sono dovute alla posizione geografica del paese.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Costa Rica: luoghi di interesse (3 tappe davvero imperdibili)

Immagine usata nell'articolo Costa Rica: luoghi di interesse (3 tappe davvero imperdibili)

Se desiderate trascorrere una vacanza indimenticabile, scegliete di visitare i luoghi più belli e suggestivi del Costa Rica. Una natura lussureggiante, spiagge magnifiche e città tutte da scoprire che riservano a ogni angolo nuove sorprese.

Le Spiagge delle Mauritius: un paradiso da scoprire!

Mauritius.jpg

Chiunque si reca alle Mauritius, soprattutto se si tratta della prima volta, non può fare altro che condividere le parole di Mark Twain che nel 1885 definì le Mauritius come un “Eden”, spingendosi ad affermare che “Dio creò prima le Mauritius e poi il paradiso terreste”.

Conoscere l’Isola del Giglio con un giro in barca

mare puglia

L’Italia è un paese in cui le spiagge non mancano e che offre scorci pittoreschi in qualsiasi luogo, in particolare le isole e gli arcipelaghi che sono territorialmente italiani rivelano paesaggi incontaminati di struggente bellezza pur essendo ambite e frequentate mete turistiche, come l’Isola del Giglio, nell’Arcipelago Toscano, santuario marittimo e faunistico.

Leggi anche...

Vacanza a Maiorca e alle Baleari: l'idea vincente, non solo in estate

Siamo nel pieno del freddo e dei mesi invernali: sognare il caldo e l'estate non è certo un delitto! Che ne direste, poi, se vi dicessimo che a poco più di un'ora di volo dall'Italia esiste un posto che fonde lo spettacolare clima dei Tropici con la storia e l'antichità dell'Europa, il divertimento di una capitale europea e la possibilità di rilassarvi in mezzo a una natura spettacolare? Non strabuzzate gli occhi: questo luogo fantastico esiste e si chiama Maiorca, la più grande delle isole Baleari, in Spagna.

Leggi anche...

Vie ferrate delle Dolomiti di Brenta: ecco qualche consiglio utile

Si trova in provincia di Trento l’unico gruppo dolomitico che sorge ad ovest del fiume Adige. Si tratta delle Dolomiti di Brenta, una sottosezione delle Alpi Retiche meridionali, che si sviluppa per circa 40 km da nord a sud e per circa 12 km da est a ovest all’interno del parco naturale Adamello-Brenta.

Leggi anche...

Clima in Tunisia: ecco le settimane migliori per viaggiare!

Immagine usata nell'articolo Clima in Tunisia: ecco le settimane migliori per viaggiare!

La Tunisia si estende su un territorio di circa 164mila kmq. Il clima della Tunisia nel nord del paese è di tipo mediterraneo, con estate calda e secca ed inverno mite, mentre nella zona meridionale il clima Tunisia diviene più secco e caldo; un clima semi desertico a causa della vicinanza del deserto del Sahara, con piogge rarissime ed i mesi più caldi compresi tra maggio ed agosto.

Go to Top