Se fino a qualche decennio fa la maggior parte delle persone si spostava, per motivi personali o professionali, in treno o al massimo in automobile (se il tragitto da percorrere era breve), recentemente tali mezzi di spostamento sono stati sempre più sostituiti dagli aerei. Questi infatti tendono ad offrire diversi vantaggi ai viaggiatori, soprattutto in termini di facilità e velocità di spostamenti, in particolare per tragitti lunghi. Un successo che, nonostante il miglioramento nel corso del tempo dei collegamenti ferroviari, sta continuando ancora oggi.

Viviamo in un periodo storico in cui i viaggi in aereo sono diventati di routine: negli ultimi 20anni, infatti, il trasporto aereo ha registrato una crescita esponenziale, frutto anche dell'arrivo delle compagnie low-cost che hanno di fatto reso gli spostamenti per via aerea accessibili per tutti. Con l'aumento del traffico e delle compagnie da gestire è stato inevitabile un incremento delle problematiche a carico dei passeggeri, che spesso devono fare i conti con ritardi e cancellazioni dei voli.

Ovviamente, le compagnie aree si adoperano per limitare al minimo i disagi e i problemi ai passeggeri, attuando strategie di contenimento per i ritardi ma questi sono spesso inevitabili. Sono tante le cause che possono portare al ritardo o alla cancellazione di un volo, alcune di queste sono al di là delle responsabilità della compagnia aerea, come per esempio le avverse condizioni meteo, gli scioperi aeroportuali e altre situazioni che non possono essere imputate, per dolo o per colpa, alle dirette volontà del vettore.

Cancellazione e ritardi

In alcune circostanze, invece, le cancellazioni e i ritardi sono da ascrivere alla responsabilità, diretta o indiretta, della compagnia: è il caso dei guasti ai velivoli, del protrarsi delle operazioni di manutenzione, della disorganizzazione e di tutte quelle fattispecie che, in un modo o nell'altro, derivano direttamente da una negligenza della compagnia aerea.
I ritardi e le cancellazioni, nonché i negati imbarchi, causano inevitabilmente un disagio nel passeggero, qualunque sia il motivo del suo viaggio.

Pensiamo ad esempio ad importanti appuntamenti di natura lavorativa per un professionista e le conseguenze per la sua società o per la sua carriera nel caso saltasse un incontro fondamentale con altri interlocutori, magari stranieri. Stesso discorso si potrebbe fare nel caso si dovesse prendere un aereo per motivi personali, come la partecipazione ad un evento importante (matrimonio o laurea) per un amico o familiare. Tutte situazioni che provocano non soltanto disagio pratico e problemi di varia natura, ma anche stress emotivo nel soggetto coinvolto. 

Ancor più complicata è la situazione dei voli composti, ossia quelli che implicano uno scalo per raggiungere la meta finale. Non di rado, infatti, per effettuare un collegamento da A a C, il passeggero deve prima fare scalo a B, dove prende un altro aereo per concludere il viaggio. Se il primo aereo accumula un ritardo tale da impedire al passeggero di salire sul secondo, o eventualmente sul terzo, cosa succede? A queste e ad altre domande simili rispondono siti di settore come RisarcimentoVolo.it, che aiuta i passeggeri a dirimere le situazioni più complesse e ad avviare le operazioni di risarcimento previste dalla legge, offrendo supporto e assistenza per tutte le pratiche di rimborso.

Come deve comportarsi il passeggero?

Tra le situazioni più complesse c'è senz'altro quella che coinvolge i passeggeri che, per loro sfortuna, si trovano a fare i conti con collegamenti composti. Infatti, capita spesso che per i collegamenti a più ampio raggio sia necessario effettuare uno scalo in un aeroporto intermedio. Va da sé, quindi, che aumentando il numero di aerei che è necessario utilizzare per compiere il viaggio, aumenti anche il rischio di cancellazioni. Qualora uno dei due aerei subisca un ritardo tale da pregiudicare il proseguo del viaggio o venga direttamente cancellato dalla compagnia aerea, come deve comportarsi il passeggero?

Ovviamente, chi è incorso in una simile fattispecie ha diritto a essere risarcito, sempre e comunque, perché sia in caso di ritardo, che soprattutto di cancellazione, al passeggero viene impedito di raggiungere la destinazione finale per la quale lui ha pagato il biglietto. Questo vale esclusivamente per i viaggi per i quali il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio che prevede più tappe per il raggiungimento della destinazione finale: se il passeggero ha acquistato biglietti separati, realizzando un viaggio composito fai-da-te, decade ogni fattispecie di "coincidenza" ma il rimborso è dovuto solo per il ritardo, se supera le due ore, per la cancellazione o il negato imbarco.

Il primo elemento da prendere in considerazione per calcolare l'entità del rimborso dovuto per la perdita di una coincidenza di un viaggio è la distanza.

Quando ci si trova a effettuare questi calcoli con voli diretti, la questione è molto semplice ma si complica quando il viaggio è diviso. In questo caso, la distanza va calcolata su quella effettiva che intercorre tra il primo aeroporto e l'ultimo o va calcolata sulla base delle miglia per ogni tratta? Questo è un dubbio fondamentale per la compilazione di una corretta richiesta di risarcimento.

Secondo le norme e le direttive previste dall'Unione Europea, la distanza va calcolata tra il punto di inizio del viaggio e la destinazione finale. Infatti, considerando che il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio, la fattispecie che questo preveda delle soste intermedie è irrilevante, dal momento che quel che conta è la destinazione finale del viaggio. La Corte di Giustizia Europea è recentemente intervenuta in merito, sentenziando che, viste le modalità di questi viaggi, il volo va considerato diretto, escludendo dal computo le soste intermedie.

Quindi, anche se l'aereo effettua uno o più scali, questi non vanno considerati ma va calcolata la rotta ortodromica dal punto A al punto C. La rotta ortodromica è un'ideale linea retta che collega l'aeroporto di partenza da quello di atterraggio: sulla base di questa vengono calcolate le fasce chilometriche per il rimborso.

La compensazione pecuniaria per i passeggeri che sono stati vittime di ritardi, cancellazioni e negati imbarchi varia tra 250 euro e 600 euro, in base alla fascia chilometrica:

  • 250 euro di risarcimento per voli entro i 1500km
  • 400 euro di risarcimento per i voli tra i 1500 km e i 3500 km
  • 600 euro di risarcimento tutti i voli che superano i 3500 km

Il passeggero può anche chiedere servizi supplementari a scelta tra:

  • volo sostituivo
  • rimborso del biglietto
  • rimborso del biglietto oggetto del contendere e nuovo biglietto per tornare al punto di partenza.

Ricordiamo che, secondo i regolamenti europei, tali rimborsi possono essere richiesti sia per voli con compagnie di bandiera che per voli low-cost e charter. Poi, oltre al rimborso, un passeggero ha diritto ad assistenza in loco e cioè supporto immediato da parte delle compagnie aeree (nel caso si verificassero problemi o ritardi con i voli), ma soltanto in alcune circostanze particolari. Nello specifico:

  • per i voli inferiori o pari ai 1.500 km, nel caso il ritardo fosse di almeno due ore;
  • per voli all'interno della UE superiori ai 1.500 km e per tutti gli altri tra i 1.500 ed i 3.000 km, il ritardo deve essere di almeno tre ore;
  • per le restanti tipologie di voli, il ritardo deve essere di almeno quattro ore.

Per assistenza in loco si intende generalmente che la compagnia aerea possa permettere al viaggiatore l'accesso ad un telefono e l'offerta di bevande, vitto, alloggio e trasporto all'alloggio.

Come si puo notare, quindi, se un ritardo aereo causa disagi evidenti e di diversa natura per una persona, la compagnia deve non soltanto rimborsarla, ma alleviare e ridurre tali disagi subiti nel minor tempo possibile.

Potrebbe interessarti

Parco giochi Valmontone: orari e prezzi di Rainbow Magicland

Con l'arrivo della primavera e con l'estate alle porte, cresce sempre di più la voglia di stare all'aria aperta e di portare i vostri bambini nei parchi giochi più vicini alla vostra zona di residenza, per lasciarli giocare in totale libertà.

Leggi tutto...

Le torri costiere salentine: ecco perché non puoi perdertele

Le torri costiere rappresentano uno dei tanti motivi per i quali vale la pen andare alla scoperta del Salento, una terra che mostra in ogni suo angolo secoli e secoli di storia, raccontando la civiltà contadina e la civiltà marina.

Leggi tutto...

I prezzi dell'Italia in Miniatura di Rimini

Nei pressi di Rimini esiste da tantissimi anni uno dei parchi di divertimento tematici più famosi d'Italia, utile anche a chi vuole imparare tante cose sul nostro paese: l'Italia in Miniatura.

Leggi tutto...

Clima Europa: tutti i climi del nostro continente

L’Europa si estende da nord a sud e abbraccia diverse latitudini che fanno si che il clima risulti vario a seconda della zona. Il continente europeo si estende interamente nell’emisfero boreale per una superficie di quasi 10 milioni di km².

Leggi tutto...

Offerte disneyland paris volo hotel: dove la fantasia incontra la realtà

Quando si è piccoli si sogna sempre che i cartoni che ci accompagnano siano in qualche modo legati alla realtà, e si vuole addirittura farne parte. Con Disneyland Paris questo è un desiderio che si realizza. Unico nel suo genere, è stato (ed è tuttora) il primo parco al mondo ad essere definito come “innovativo” per la straordinaria magia che si respira tra le varie aree tematiche ed attrazioni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il Clima alle Maldive: temperature e meteo nelle isole

Il clima alle Maldive è di carattere tropicale e condizionato dalla presenza dei monsoni. I venti monsonici caratterizzano due stagioni: l’inverno asciutto e l’estate umida.

Leggi tutto...

Clima e meteo in Croazia: scopri quando partire!

Il clima della Croazia varia a seconda della zona; è di tipo continentale caratterizzato da forti escursioni termiche nell’entroterra e di tipo mediterraneo con inverni non rigidi ed estati calde sulle coste. Durante i mesi invernali soffia la bora, il vento freddo che proviene da nord e che può anche essere molto violento; mentre in estate spira lo scirocco, un vento caldo che porta alte temperature e siccità.

Leggi tutto...

Meteo Zanzibar a gennaio: alla scoperta di una perla africana

Una vacanza a Zanzibar è un’esperienza unica e indimenticabile. Nota come l’isola delle spezie perché da sempre fiorente mercato di chiodi di garofano e aromi esotici, Zanzibar con le sue bellezze e i suoi colori, attira turisti da tutto il mondo.

Leggi tutto...

Clima Venezuela: temperature e meteo della regione

Il clima del Venezuela cambia a seconda della regione. In linea generale, il clima Venezuela è di tipo Tropicale caratterizzato da due stagioni: la stagione secca e quella delle piogge.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gatteo Mare: il massimo del relax per la tua estate al mare

La destinazione per le proprie vacanze non è mai facile da scegliere così su due piedi: c’è chi è tipo da escursione, chi da montagna e chi invece è spiccatamente tipo da mare. Se vi sentite di rientrare in quest’ultima categoria, sappiate che Gatteo Mare ha qualcosa da offrirvi: gusto e freschezza, leggerezza del mare unita al relax, al sole ed al cibo tipicamente locale, infatti, sono gli elementi che rendono questa località vincente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Alla scoperta dei Caraibi: meteo e temperature

ll clima ai Caraibi è tipicamente tropicale. Le temperature sono gradevoli e si attestano su una temperatura media annuale di 25 gradi centigradi con un’escursione termica da una stagione all'altra di circa 3°C o 5°C, per 365 giorni l'anno, rendendo il mare caldo e piacevole.

Leggi tutto...
Go to Top