Se fino a qualche decennio fa la maggior parte delle persone si spostava, per motivi personali o professionali, in treno o al massimo in automobile (se il tragitto da percorrere era breve), recentemente tali mezzi di spostamento sono stati sempre più sostituiti dagli aerei. Questi infatti tendono ad offrire diversi vantaggi ai viaggiatori, soprattutto in termini di facilità e velocità di spostamenti, in particolare per tragitti lunghi. Un successo che, nonostante il miglioramento nel corso del tempo dei collegamenti ferroviari, sta continuando ancora oggi.

Viviamo in un periodo storico in cui i viaggi in aereo sono diventati di routine: negli ultimi 20anni, infatti, il trasporto aereo ha registrato una crescita esponenziale, frutto anche dell'arrivo delle compagnie low-cost che hanno di fatto reso gli spostamenti per via aerea accessibili per tutti. Con l'aumento del traffico e delle compagnie da gestire è stato inevitabile un incremento delle problematiche a carico dei passeggeri, che spesso devono fare i conti con ritardi e cancellazioni dei voli.

Ovviamente, le compagnie aree si adoperano per limitare al minimo i disagi e i problemi ai passeggeri, attuando strategie di contenimento per i ritardi ma questi sono spesso inevitabili. Sono tante le cause che possono portare al ritardo o alla cancellazione di un volo, alcune di queste sono al di là delle responsabilità della compagnia aerea, come per esempio le avverse condizioni meteo, gli scioperi aeroportuali e altre situazioni che non possono essere imputate, per dolo o per colpa, alle dirette volontà del vettore.

Cancellazione e ritardi

In alcune circostanze, invece, le cancellazioni e i ritardi sono da ascrivere alla responsabilità, diretta o indiretta, della compagnia: è il caso dei guasti ai velivoli, del protrarsi delle operazioni di manutenzione, della disorganizzazione e di tutte quelle fattispecie che, in un modo o nell'altro, derivano direttamente da una negligenza della compagnia aerea.
I ritardi e le cancellazioni, nonché i negati imbarchi, causano inevitabilmente un disagio nel passeggero, qualunque sia il motivo del suo viaggio.

Pensiamo ad esempio ad importanti appuntamenti di natura lavorativa per un professionista e le conseguenze per la sua società o per la sua carriera nel caso saltasse un incontro fondamentale con altri interlocutori, magari stranieri. Stesso discorso si potrebbe fare nel caso si dovesse prendere un aereo per motivi personali, come la partecipazione ad un evento importante (matrimonio o laurea) per un amico o familiare. Tutte situazioni che provocano non soltanto disagio pratico e problemi di varia natura, ma anche stress emotivo nel soggetto coinvolto. 

Ancor più complicata è la situazione dei voli composti, ossia quelli che implicano uno scalo per raggiungere la meta finale. Non di rado, infatti, per effettuare un collegamento da A a C, il passeggero deve prima fare scalo a B, dove prende un altro aereo per concludere il viaggio. Se il primo aereo accumula un ritardo tale da impedire al passeggero di salire sul secondo, o eventualmente sul terzo, cosa succede? A queste e ad altre domande simili rispondono siti di settore come RisarcimentoVolo.it, che aiuta i passeggeri a dirimere le situazioni più complesse e ad avviare le operazioni di risarcimento previste dalla legge, offrendo supporto e assistenza per tutte le pratiche di rimborso.

Come deve comportarsi il passeggero?

Tra le situazioni più complesse c'è senz'altro quella che coinvolge i passeggeri che, per loro sfortuna, si trovano a fare i conti con collegamenti composti. Infatti, capita spesso che per i collegamenti a più ampio raggio sia necessario effettuare uno scalo in un aeroporto intermedio. Va da sé, quindi, che aumentando il numero di aerei che è necessario utilizzare per compiere il viaggio, aumenti anche il rischio di cancellazioni. Qualora uno dei due aerei subisca un ritardo tale da pregiudicare il proseguo del viaggio o venga direttamente cancellato dalla compagnia aerea, come deve comportarsi il passeggero?

Ovviamente, chi è incorso in una simile fattispecie ha diritto a essere risarcito, sempre e comunque, perché sia in caso di ritardo, che soprattutto di cancellazione, al passeggero viene impedito di raggiungere la destinazione finale per la quale lui ha pagato il biglietto. Questo vale esclusivamente per i viaggi per i quali il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio che prevede più tappe per il raggiungimento della destinazione finale: se il passeggero ha acquistato biglietti separati, realizzando un viaggio composito fai-da-te, decade ogni fattispecie di "coincidenza" ma il rimborso è dovuto solo per il ritardo, se supera le due ore, per la cancellazione o il negato imbarco.

Il primo elemento da prendere in considerazione per calcolare l'entità del rimborso dovuto per la perdita di una coincidenza di un viaggio è la distanza.

Quando ci si trova a effettuare questi calcoli con voli diretti, la questione è molto semplice ma si complica quando il viaggio è diviso. In questo caso, la distanza va calcolata su quella effettiva che intercorre tra il primo aeroporto e l'ultimo o va calcolata sulla base delle miglia per ogni tratta? Questo è un dubbio fondamentale per la compilazione di una corretta richiesta di risarcimento.

Secondo le norme e le direttive previste dall'Unione Europea, la distanza va calcolata tra il punto di inizio del viaggio e la destinazione finale. Infatti, considerando che il passeggero ha stipulato un unico contratto di viaggio, la fattispecie che questo preveda delle soste intermedie è irrilevante, dal momento che quel che conta è la destinazione finale del viaggio. La Corte di Giustizia Europea è recentemente intervenuta in merito, sentenziando che, viste le modalità di questi viaggi, il volo va considerato diretto, escludendo dal computo le soste intermedie.

Quindi, anche se l'aereo effettua uno o più scali, questi non vanno considerati ma va calcolata la rotta ortodromica dal punto A al punto C. La rotta ortodromica è un'ideale linea retta che collega l'aeroporto di partenza da quello di atterraggio: sulla base di questa vengono calcolate le fasce chilometriche per il rimborso.

La compensazione pecuniaria per i passeggeri che sono stati vittime di ritardi, cancellazioni e negati imbarchi varia tra 250 euro e 600 euro, in base alla fascia chilometrica:

  • 250 euro di risarcimento per voli entro i 1500km
  • 400 euro di risarcimento per i voli tra i 1500 km e i 3500 km
  • 600 euro di risarcimento tutti i voli che superano i 3500 km

Il passeggero può anche chiedere servizi supplementari a scelta tra:

  • volo sostituivo
  • rimborso del biglietto
  • rimborso del biglietto oggetto del contendere e nuovo biglietto per tornare al punto di partenza.

Ricordiamo che, secondo i regolamenti europei, tali rimborsi possono essere richiesti sia per voli con compagnie di bandiera che per voli low-cost e charter. Poi, oltre al rimborso, un passeggero ha diritto ad assistenza in loco e cioè supporto immediato da parte delle compagnie aeree (nel caso si verificassero problemi o ritardi con i voli), ma soltanto in alcune circostanze particolari. Nello specifico:

  • per i voli inferiori o pari ai 1.500 km, nel caso il ritardo fosse di almeno due ore;
  • per voli all'interno della UE superiori ai 1.500 km e per tutti gli altri tra i 1.500 ed i 3.000 km, il ritardo deve essere di almeno tre ore;
  • per le restanti tipologie di voli, il ritardo deve essere di almeno quattro ore.

Per assistenza in loco si intende generalmente che la compagnia aerea possa permettere al viaggiatore l'accesso ad un telefono e l'offerta di bevande, vitto, alloggio e trasporto all'alloggio.

Come si puo notare, quindi, se un ritardo aereo causa disagi evidenti e di diversa natura per una persona, la compagnia deve non soltanto rimborsarla, ma alleviare e ridurre tali disagi subiti nel minor tempo possibile.

Potrebbe interessarti

San Francisco: com’è il clima?

Gli Stati Uniti rappresentano sempre tra le mete più gettonate per effettuare dei viaggi all'estero e tra le varie località americane più ambite vi è senza alcun dubbio l'affascinante e vivace San Francisco, in California. Questa, infatti, è considerata la più europea tra le metropoli statunitensi e presenta, a coloro che la visitano, una sorta di miscuglio tra stili architettonici, cultura e tradizioni delle due sponde dell'oceano Atlantico.

Leggi tutto...

Gli orari della Arenaways: tutte le informazioni sulla compagnia ferroviaria!

L'Arenaways è una nuova compagnia ferroviaria che opera nel nord Italia e che ha come filosofia aziendale oltre al voler offrire una valida alternativa all'attuale monopolio di Trenitalia, quella di cercare di ridurre o eliminare gli effetti ambientali dei servizi.

Leggi tutto...

Il Clima in Oceania: quando viaggiare in Australia?

Le stagioni del clima Oceania sono invertite rispetto a quelle dell'emisfero Nord del pianeta.

Leggi tutto...

Clima Venezuela: temperature e meteo della regione

Il clima del Venezuela cambia a seconda della regione. In linea generale, il clima Venezuela è di tipo Tropicale caratterizzato da due stagioni: la stagione secca e quella delle piogge.

Leggi tutto...

Clima Kenya: scopri il periodo ideale per visitare il paese!

Il clima in Kenya cambia notevolmente da un’area all’altra. Anche se questo paese si trova sull’equatore, il clima non è di tipo equatoriale; la temperatura Kenya risulta influenzato dalla presenza mitigatrice dell’Oceano Indiano e dai numerosi rilievi.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Case in affitto a Formentera: le offerte più convenienti

A metà strada tra informazione e turismo. L’articolo che presentiamo oggi vuole essere uno spunto per l’organizzazione di una vacanza nella splendida isola di Formentera. Presentiamo infatti dei link all’interno dei quali potersi informare e poter prenotare la casa in affitto a Formentera. La popolazione cresce durante il periodo estivo, visto che l'isola è una delle mete preferite in Europa.

Leggi tutto...

Isole dei Caraibi, un viaggio nel Paradiso

Quanti di noi hanno sognato una vacanza rilassante in una delle affascinanti e bellissime isole dei Caraibi? Su un campione ipotetico di cento persone, molto probabilmente la quasi totalità sogna di passare una vacanza in una di queste isole, dove riposare corpo e mente, lontano anni luce dalla realtà quotidiana.

Leggi tutto...

Palma de Maiorca: spiagge fuori dal comune!

Maiorca è la maggiore tra le isole Baleari. Conta ben 750.000 abitanti, molti dei quali vivono nel capoluogo: sono in molti a scegliere le spiagge di Palma de Maiorca come destinazione per le vacanze, soprattutto nel periodo estivo; è facilmente raggiungibile dall'Italia e consente di trascorrere una vacanza tra bellezze naturali e culturali.

Leggi tutto...

Fattori climatici: tutti gli elementi da considerare!

Il clima, cosi come la temperatura o le precipitazioni, può influenzare molto la vita, anche quotidiana, di un paese.

Leggi tutto...

Clima subtropicale: quali zone interessa?

Il clima Subtropicale è presente in quelle aree geografiche al di sotto del Tropico del Capricorno e al di sopra del Tropico del Cancro e i 40° di Latitudine, in entrambi gli emisferi Australe e Boreale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

In vacanza tra le isole greche: ecco alcuni consigli

La vacanza estiva in Grecia è una tra le preferite da tanti viaggiatori italiani. Del resto come non appassionarsi alle tante piccole isole del mar Egeo o alle numerose città ricche di storia e di tradizioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...
Go to Top