Spesso accadono situazioni ai limiti dell’assurdo su alcuni voli di linea come nel caso dell’American Airlines in partenza da Filadelfia, in Pennsylvania. Il volo in oggetto ha visto protagonisti due passeggeri seduti vicino, in cui uno dei due ha allertato le autorità presenti a bordo per il suo vicino abbastanza sospetto. In pratica, dopo una breve conversazione con la persona seduta al proprio fianco, il passeggero ha ben pensato di chiamare lo staff aereo perché intimorito dal suo vicino e i suoi appunti in lingua straniera incomprensibili.

A questo punto è scattato il sospetto di un probabile terrorista, innescando immediatamente i dovuti controlli sul povero malcapitato che è stato arrestato e scortato all’esterno del velivolo per approfondite indagini. Tutto sembrava filare nel verso giusto e una possibile situazione di pericolo sembrava scongiurata, quando dai controlli effettuati sul passeggero incriminato è emerso un dato scioccante: non si trattava di un terrorista ma di un brillante economista teorico matematico che stava eseguendo complesse equazioni matematiche, chi l'avrebbe mai detto che tutto questo avrebbe causato un forte ritardo aereo?

Chiaramente, l’intera vicenda ha creato non pochi disagi a bordo dell’aereo e soprattutto un fortissimo ritardo aereo causato dal falso allarme. In questo caso, il forte pregiudizio delle persone ha procurato un panico ingiustificato e soprattutto accusato, senza giusta motivazione, un individuo che stava semplicemente eseguendo il proprio lavoro causano inconsapevolmente un ritardo aereo. Ma le ferie in famiglia con i bambini sono salve! Le compagnie sono assicurate per il costo del biglietto.

Come si procede in questi casi? Buono, coupon, sconto o riaccredito, insomma i soldi si ricevono!

Per fortuna, la sicurezza a bordo e i controlli da terra sono stati tempestivi, appurando in pochissimo tempo che l’individuo a bordo non poteva essere considerato una minaccia ma solo un semplice economista che stava preparando un discorso di apertura per un evento. Riaccettato nuovamente a bordo del velivolo con le scuse dell’intero equipaggio, l’economista non ha avviato nessuna causa legale nei confronti della compagnia aerea, mentre il viaggiatore, che inizialmente ha allertato lo staff, è stato ricollocato su un altro volo di linea. Purtroppo, a causa di questo evento, i restanti passeggeri a bordo del velivolo hanno riscontrato non pochi problemi dovuti alla paura e all’enorme ritardo aereo accumulato per le opportune verifiche e accertamenti.

La soluzione è il rimborso per ritardo aereo: le ferie in famiglia con i bambini sono salve!

ritardo aereo

Eventi legati a sospetti terroristici non sono molto comuni ma, quando si verificano, creano innumerevoli disagi ma soprattutto un forte ritardo aereo. La situazione che si crea sicuramente non è allettante per i centinaia di viaggiatori a bordo degli aerei o in attesa nei vari terminal che si vedono costretti a far valere i propri diritti attraverso un rimborso per ritardo aereo. Alcuni enti e portali online, come www.flycare.eu , sono specializzati riguardo la tutela dei viaggiatori e nelle pratiche di risarcimento per voli con ritardo aereo o cancellati da parte della compagnia aerea. Se ci sono tutte le premesse per inoltrare la domanda di rimborso per ritardo aereo, lo staff di Flycare si impegnerà a fondo nella buona riuscita dell’iter legale contro la compagnia, con l’ottenimento di un indennizzo adeguato per il disagio subito, pari al costo del biglietto sotto forma di buono, coupon, sconto o riaccredito.

ritardo aereo

L’aspetto fondamentale è che l’intero iter burocratico e legale viene gestito in maniera del tutto gratuita e non impegnativa per il cliente, il quale dovrà solo attendere in buon esito della sentenza con successivo accredito sul proprio conto corrente della somma pattuita in origine. Con Flycare si vince sempre, anche in caso di risposta negativa del giudice, poiché il cliente non sarà tenuto a corrispondere nessun importo a titolo di spese per apertura e gestione della pratica.

Attacchi terroristici e ritardo aereo: cosa accade sul velivolo e in aeroporto

Gli attacchi terroristici, per quanto riguarda i viaggi in aereo possono essere di diverso tipo, i più frequenti sono quelli che riguardano esplosioni e altre dinamiche estremamente pericolose, ma uno degli attacchi terroristi più noti, anche se fortunatamente poco frequente è quello che riguarda il dirottamento dell’aereo. Diciamo che si tratta di un caso fortunatamente più raro del semplice ritardo aereo, ma l'eventualità purtroppo c'è vediamo quindi come gestire la situazione.

In questo caso, il terrorista, con l’ausilio di armi e minacce, costringe il pilota che dirige l’aereo a cambiare rotta, con l’obiettivo di atterrare in una città differente da quella programmata.

Gestire questa situazione può rivelarsi davvero molto difficile, sia per il personale di bordo che per tutti gli altri passeggeri. Anche per le autorità è effettivamente complicato intervenire in una simile situazione.

E se il ritardo del volo è dovuto a un dirottamento aereo? Ecco come comportarsi

Purtroppo, in una situazione del genere è davvero difficile capire come comportarsi, il panico e la paura prendono il sopravvento e ragionare a mente lucida è davvero difficile. Probabilmente anche il personale di bordo, sarà sorpreso da questa situazione, non capita di certo tutti i giorni di essere vittime di un attacco terroristico.

Tuttavia, il personale di bordo, almeno in via teorica, è stato formato ed istruito ad affrontare una situazione del genere. Quando ci si trova davanti un attacco terroristico, però riuscire ad essere razionali e addirittura indirizzare altre persone a seguire una determinata linea di comportamento, può risultare una missione impossibile, soprattutto se in ballo c’è la vita di queste persone.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Gita fuori porta a Roma: alla scoperta dei Castelli Romani e Viterbo

gita fuori porta a Roma

Roma è una città bellissima, ma senz’altro anche l’hinterland romano non è da meno. Con la bella stagione aumenta la voglia di fare una gita fuori porta a Roma durante il weekend. Per questo genere di occasioni si può optare per una bella gita ai Castelli Romani.

Viaggio in Sicilia: cosa vedere e dove andare per godersi l'Isola

Immagine usata nell'articolo Viaggio in Sicilia: cosa vedere e dove andare per godersi l'Isola

La Sicilia, la più grande isola e vanto turistico del Bel Paese. Culla di storia e natura, di colori e profumi è di certo una delle mete più complete per un viaggio: probabilmente non basterebbero mille pagine per elencare tutte le meraviglie siciliane che varrebbe la pena visitare.