Oggi diamo uno sguardo ad alcuni itinerari e consigli per visitare il Vaticano in tutta tranquillità. Durante un viaggio a Roma, non si può prescindere dal visitare la Città del Vaticano, uno straordinario complesso di storia, cultura ed arte, racchiuso nello Stato indipendente più piccolo del Mondo.
Tutto ebbe inizio nel lontano 11 febbraio 1929, passato alla storia come il giorno della “Conciliazione”, ossia il giorno nel quale la Città del Vaticano divenne uno stato indipendente sotto la sovranità del Papa, capo della Chiesa Cattolica.

Visitare il Vaticano: ecco dove si trova di preciso

Il Vaticano sorge nelle vicinanze del Tevere, esattamente nel cuore di Roma

Tutta l’area è delimitata dalle mura, per ben 0,44 km², fanno parte del territorio Vaticano anche le chiese San Giovanni in Laterano e San Paolo, collocate fuori le mura, nonché la residenza estiva del Papa presso Castel Gandolfo.
In questo post parleremo di come visitare il Vaticano in modo completo e approfondito, con vari consigli per vivere al meglio la vostra vacanza.

Ogni angolo della città è ricco di arte e storia; a comporre tutto questo patrimonio abbiamola Basilica di San Pietro con la piazza antistante, la Biblioteca Apostolica Vaticana con una raccolta di antichi manoscritti, i Palazzi Vaticani dove ancora oggi risiede il Papa e ovviamente i Musei Vaticani, dove troverete esposti moltissimi capolavori dei migliori artisti italiani e da non perdere la Cappella Sistina con i famosi affreschi di Michelangelo.

Se volete alloggiare in zona, per avere il massimo dei confort ma a prezzi contenuti, è possibile alloggiare in un albergo in zona Prati a Roma: zona perfetta per visitare il Vaticano.

Visitare Piazza San Pietro

Il nucleo della Città del Vaticano è Piazza San Pietro Se volete visitare il Vaticano è proprio da questo luogo religioso da cui partirà il vostro tour.

Piazza San Pietro fu progettata da Gian Lorenzo Bernini, caratterizzata dalla sua forma ellittica e da una quadruplice fila di colonne; dove al di sopra di esse individuiamo un porticato, su cui sono poste 140 statue rappresentati tutti i Santi. Al centro della Piazza troviamo l'Obelisco Vaticano, alle spalle del quale sorge la chiesa più grande del Mondo, la Basilica di San Pietro.

La piazza è sempre stato un grande simbolo del cattolicesimo mondiale, con la grande madre Chiesa (simboleggiata dalla basilica) che abbraccia i suoi fedeli tramite il lungo colonnato ovale. È il primo impatto visivo con la magnificenza della basilica, dove sia i turisti ed i fedeli iniziano a godere della bellezza delle forme, a sentire l’acqua delle fontane e vivere questo spazio immenso. 

Piazza San Pietro è diventata il luogo ideale per tanti eventi liturgici, grazie alla sua capacità di contenere migliaia di persone in maniera molto ordinata. Le cerimonie principali sono sicuramente: la messa di inaugurazione del Pontificato, la Domenica delle Palme e quella di Pasqua e la benedizione Urbi Et Orbi (una particolare benedizione papale). 

Ogni domenica la piazza ospita anche “l’Angelus Domini”, dove alle 12:00 il Papa si affaccia dalla sua finestra per un breve discorso e recitare la preghiera dell’Angelus insieme ai fedeli. Se volete visitare il Vaticano  questa esperienza non può mancarvi!

Nel 1986, è iniziata la tradizione di installare un albero di Natale al centro della piazza, esattamente di fronte basilica. Insieme al presepe, l’albero ogni anno viene donato al Vaticano da una differente località, che sia una regione italiana o una località europea.  

visitare il vaticano

La chiesa raccoglie un'infinità di capolavori d’arte, come la famosa "Pietà" di Michelangelo, considerata tra i gruppi marmorei più preziosi del mondo; la statua in bronzo di S. Pietro introduce alla cupola, dove sopra l'altare papale troviamo il baldacchino in bronzo del Bernini.

Realizzata da Michelangelo Buonarroti, questa statua venne commissionata per essere collocata nella Cappella di Santa Petronilla e solo successivamente spostata all’interno della basilica.

È un’opera ritenuta tra le più eccezionali nella storia dell’umanità per il livello di rifinitura e di dettagli realizzati da Michelangelo. 

Il corpo del Cristo adagiato su Maria, ha un dettaglio anatomico ancora oggi oggetto di ricerca per l’accuratezza, così come il panneggio con pieghe e dettagli vicini alla realtà. 

Lo scopo di Michelangelo era quello di rappresentare un momento così importante, trasmettendo tutte le emozioni ed i sentimenti, quasi obbligando l’osservare a riflette sotto l’aspetto morale ed etico. 

Nel 1972, la statua subì anche un atto di vandalismo, da parte di un trentaquatrenne australiano che colpì la statua con ben 15 martellate. Dopo quell’episodio, la statua è protetta da una parete di vetro antiproiettile. 

Uscendo la Piazza San Pietro, dedicatevi ad una piacevole passeggiata per i Giardini Vaticani, un’ambia distesa verde arricchita da maestose fontane.
I Giardini sono il luogo di riposo e di meditazione del Romano Pontefice sin dal 1279. Vediamo cos'altro c'è da visitare il Vaticano.

L’arte nel cuore

 

Terminata anche la visita all’aperto, potrete proseguire con la visita ai Musei Vaticani. Qui potrete ammirare opere di valore inestimabile, che riusciranno a trasportarvi indietro nel tempo. Opere realizzate dai più grandi artisti come Raffaello, Bramante, Michelangelo, Pinturicchio e molti altri, saranno poste davanti a voi, e sembrerà quasi che l’artista abbia appena dato l’ultima pennellata all’opera.

Le tappe più note dei Musei Vaticani che non possono mancare sono per prime le Stanze di Raffaello. Esse si suddividono in quattro sale: la Stanza dell'incendio, la Stanza della segnatura, la Stanza di Eliodoro e la Stanza di Costantino; tutto il complesso costituiva gli appartamenti del Papa Giulio II.
Verso la conclusione dei musei incontrerete la Cappella Sistina, con i magnifici ed imponenti affreschi di Michelangelo; i più conosciuti sono il grande “Giudizio Universale” e la “Creazione di Adamo”. In questo luogo ancora oggi viene eletto il Papa. A far parte di tutta la struttura dei Musei Vaticani troviamo il Museo Gregoriano Etrusco, il Museo Gregoriano, il Museo Chiaramonti, il Museo Gregoriano Profano e la Galleria degli Arazzi e delle Carte Geografiche.

L’ingresso ai Musei Vaticani è di 18 euro e se usufruirete del servizio di prenotazione on-line potrete evitare lunghe file; bensì ogni ultima domenica del mese l’ingresso è gratuito.

Siete pronti a visitare il Vaticano?

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Clima a Zanzibar: il periodo giusto per viaggiare!

Il clima Zanzibar è di tipo tropicale e quindi soggetto a cambiamenti anche repentini; in una giornata di sole è facile che si verifichi un abbondante acquazzone che però può durare solo 5 minuti.