La routine di tutti i giorni, i frenetici ritmi di lavoro, il traffico intenso, gli impegni familiari, che generalmente gravano maggiormente sulle donne sembra proprio che non ci lascino un attimo per respirare. Il modo ideale per scaricare lo stress accumulato è staccare la spina e immergersi in un bel week end avventura.

Al contrario di quanto molti credono un week end di questo tipo è ideale per chi ha voglia di rilassarsi, infatti, la gran parte dei week end avventura sono organizzati in strutture che si trovano lontane dal caos quotidiano, immerse nel verde, magari nel cuore di immense distese di erba o sulla cima di colline.
Un week end di questo tipo è ideale per chi ama gli sport estremi, per chi ha voglia di sentire l'adrenalina crescere dentro di se, ma anche per chi ha bisogno di sentire di nuovo il contatto con la natura che spesso la frenetica vita di città cancella.

Caratteristiche dei week end avventura

Può essere un regalo originale dafareper festeggiare un compleanno, un anniversario, un addio al celibato o anche semplicemente un'occasione per staccare la spina e trasformarsi per due giorni in un avventuriero. E' possibile trascorrere un week avventura all'interno di strutture alberghiere che hanno tre, quattro e cinque stelle, ma anche all'interno di agriturismi e campeggi. Esistono dei pacchetti turistici che offrono week end avventura con trattamento di mezza pensione o pensione completa.

Quando si arriva nella struttura alberghiera prenotata e si inizia il proprio week end avventura la prima cosa da fare è spegnere il cellulare e dire a tutti quelli che ci conoscono che durante il fine settimana l'unica cosa di cui abbiamo veramente bisogno è di liberare la nostra mente e divertirci.
Durante il nostro tanto aspettato fine settimana avventuroso l'unica cosa che dobbiamo fare è divertirci, tornare a contatto con la natura, mangiare cibi sani e liberare la mente.

Chi desidera regalare o prenotare un fine settimana simile può sceglieredi partecipare a una grande varietà di attività diverse, dalle più classiche alle più avventurose. E' possibile infatti partecipare ad un week end avventura che organizza del rafting classico, del rafting non stop, bunjee, volo con paracadute, escursioni tra i boschi a bordo dei quad ecc. E' l'ideale per i giovani, ma anche per le famiglie con i bambini, per le quali all'interno delle strutture ricettive sono organizzate delle attività ricreative che tengono i bambini impegnati mentre i genitori si divertono magari lanciandosi da un aereo col paracadute.

Un binomio di questo genere può essere scelto soprattutto da chi ama fare sport all’aria aperta, provando tutta una serie di esperienze che non si possono fare nel quotidiano perchè in Italia non esistono simili paesaggi, che invece si trovano in altri luoghi, come può essere il deserto o le foreste amazzoniche.

Turismo d’avventura: un boom da oltre 250 miliardi

Sono i numeri a fotografare una situazione che sta rivoluzionando il modo di viaggiare. Secondo il rapporto dell’Unwto, l’Agenzia dell’ONU preposta al turismo, il business d’affari che gira intorno a questa tipologia di vacanze è stimabile in oltre 250 miliardi di dollari. Un aumento quasi del 200% rispetto a tre anni fa e le motivazioni sono diverse: sempre più persone hanno accesso al turismo e c’è inoltre maggiore domanda di vivere esperienze particolari e specifiche, lontane da quello status symbol che vuole formattare le vacanze su uno stile piatto e unico per tutti. I viaggi d’avventura sono così diventati la vacanza di oggi e secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite diventerà il business di domani. Dall’arrampicata al trekking passando per il rafting e all’ecoturismo, la domanda è talmente vasta che sta abbracciando milioni di visitatori. Un’altra particolarità è il numero di donne interessate, che nel 2014 ha superato addirittura la quota maschile (47% contro 53% femminile). L’identikit stilato dall’Unwto elabora un profilo medio di questi viaggiatori: guadagno di circa 46mila euro annui, in possesso della laurea per il 40% dei casi. Il maggior numero di turisti proviene da due continenti, Europa e America, che raggruppano quasi il 70% del totale dei visitatori.

In conseguenza di quanto appena detto, sono nati sul web tanti portali tematici su questo argomento, dove poter consultare tutti i viaggi disponibili, con il programma dettagliato dell’itinerario. La base di fondo rimane sempre la stessa: basta andare nelle grandi metropoli per visitare i soliti e tradizionali punti d’attrazione. Andare a scovare i punti più nascosti del pianeta, ammirando allo stesso tempo natura e panorama, e coniugando con questo la possibilità di fare sport, può essere un diversivo allettante per chi cerca delle offerte diverse sulla vacanza da fare. D’altronde il mondo è talmente vasto che racchiude tutti i paesaggi possibili: limitare la scelta per alcuni è un errore pazzesco e per tale motivo queste persone hanno deciso di provare nuove esperienze. Infine, su questi siti web è possibile trovare anche dei forum d’interazione con turisti che raccontano la propria esperienza d’avventura. Magari un giusto stimolo da provare a vivere in prima persona!



Potrebbe interessarti

Temperatura e clima a Sharm el Sheik: quando partire?

Il clima è di tipo equatoriale asciutto. La mancanza, quasi assoluta, di precipitazioni, rendono la temperatura di Sharm più accettabile.

Leggi tutto...

Il Clima alle Bahamas: cosa mettere in valigia?

Le Bahamas sono uno stato insulare che appartiene all'America Centrale. L'arcipelago è formato da più di 700 isole di forma e grandezza diversa, a poca distanza da paradisi quali Cubai Caraibi e la Florida.

Leggi tutto...

Isola del Giglio: ecco cosa vedere per una vacanza da sogno

L’Isola del Giglio è la seconda isola per estensione dell’Arcipelago Toscano. La sua superficie di 21 km2 e il suo clima mite, la rendono una méta turistica ideale tutto l’anno, grazie alla ottima qualità ricettiva e, soprattutto, alla possibilità di soggiornare scegliendo tra differenti opzioni (ci sono, ad esempio, numerose opportunità di affitto di appartamenti a prezzi vantaggiosi, che permettono di avere la massima libertà di movimento ed orari come a casa propria, godendosi a pieno la vacanza sull’isola soprattutto nei giorni di festa o durante le manifestazioni e gli eventi locali).

Leggi tutto...

Come organizzare una crociera sui Fiordi Norvegesi

Una delle mete più affascinanti per una crociera d ricordare è la Norvegia, una nazione caratterizzata da un paesaggio di grande impatto e spesso del tutto incontaminato. Per queste ragioni parliamo di un luogo molto ricercato per trascorrere le vacanze su una nave, per questo una crociera sui fiordi norvegesi è un’esperienza indimenticabile, che ti fa vivere appieno queste straordinarie bellezze della natura che possono essere gustate a pieno solo per mare.

Una delle mete più affascinanti per una crociera d ricordare è la Norvegia, una nazione caratterizzata da un paesaggio di grande impatto e spesso del tutto incontaminato. Per queste ragioni parliamo di un luogo molto ricercato per trascorrere le vacanze su una nave, per questo una crociera sui fiordi norvegesi è un’esperienza indimenticabile, che ti fa vivere appieno queste straordinarie bellezze della natura che possono essere gustate a pieno solo per mare.

Località e luoghi da visitare in Norvegia


Per organizzare una crociera sui fiordi norvegesi c’è innanzitutto da capire il giusto itinerario, scegliendo tra le molte promozioni offerte dalle compagnie marittime, quella più vicina alle proprie esigenze.

Inoltre bisogna tenere in considerazione la durata della vacanza, in quanto si tratta di un territorio estremamente ampio in cui le crociere più lunghe, che arrivano molto a nord nelle prossimità del Circolo Polare Artico, possono durare anche due settimane.
Tra i luoghi più belli da visitare ci sono assolutamente i fiordi norvegesi di Geiranger, nota per ospitare la via dei Troll, una valle magica con un paesaggio surreale ed emozionante.

Non può assolutamente mancare una gita ai fiordi di Oslo, la capitale, che con le sue moltissime isole è un luogo perfetto per passare qualche giorno contemplando la calma di questi posti unici al mondo, o per scendere e fare una passeggiata in una delle varie cittadine in uno stile tutto scandinavo.

Per i più coraggiosi segnaliamo anche Pulpit Rock (il suo nome originario sarebbe Preikestolen), una roccia che cade a picco sul fiordo di Lyse che con i suoi 600 metri di altezza consente di godere di un panorama incredibile.
Non essendoci nessun tipo di protezione è un itinerario particolarmente suggestivo ma, assolutamente non adatto per chi soffre di vertigini.

Quando partire?
Il periodo preferito per una crociera alla conquista dei fiordi norvegesi è sicuramente periodo estivo, quando il ghiaccio e le temperature polari si defilano lasciando il posto all’incredibile spettacolo tratteggiato dal risveglio della natura nordica. Partire da maggio a settembre assicura un clima mite e giornate calde e notti fresche, ideali per dormire serenamente.
Ovviamente non bisogna confondere il periodo estivo della Norvegia con quello italiano, quindi è raccomandabile preparare un abbigliamento adatto, con vestiti adeguati sia a calde e soleggiate giornate di bel tempo, che a quelle più fredde e soprattutto ventose.

L’ideale quindi è partire in estate ma prepararsi con abiti primaverili, che possano essere tolti con facilità in caso di sbalzi termici, oltre a una reflex di buona qualità immancabile per immortalare i paesaggi di rara bellezza che solo questo spicchio di paradiso sa regalare ai fortunati visitatori!

Safari in Sudafrica: ecco quando organizzarlo

Una delle mete più visitate da europei ed italiani negli ultimi anni è il Sudafrica, in cui poter ammirare la combinazione tra la bellezza ed il fascino della natura selvaggia, propria del Continente Nero, con la comodità ed alcune caratteristiche tipiche dell'Occidente. Infatti, questo Paese, posto alla punta meridionale dell'Africa, riunisce elementi naturali, paessaggistici e culturali variegati ed unici. E tutto ciò rende tale angolo di mondo una meta interessante sia per gli studiosi che per i turisti.

Leggi tutto...

I più condivisi

Clima Canarie: cosa mettere in valigia?

Con questa denominazione si intendono le isole La Palma, El Hierro, La Gomera, Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote. 

Leggi tutto...

Isole dei Caraibi, un viaggio nel Paradiso

Quanti di noi hanno sognato una vacanza rilassante in una delle affascinanti e bellissime isole dei Caraibi? Su un campione ipotetico di cento persone, molto probabilmente la quasi totalità sogna di passare una vacanza in una di queste isole, dove riposare corpo e mente, lontano anni luce dalla realtà quotidiana.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Il Clima in Cina: informazioni su meteo e temperature

Il clima della Cina è molto vario a causa della grande estensione del paese. In generale, possiamo affermare che le differenze climatiche possono raggiungere i 30° tra le regioni meridionali e quelle settentrionali. Allo stesso modo variano le temperature e le precipitazioni che raggiungono nel centro-sud 1.500 mm all'anno, mentre solo 50 mm all'anno nel Nord-Ovest.

Leggi tutto...

In vacanza tra le isole greche: ecco alcuni consigli

La vacanza estiva in Grecia è una tra le preferite da tanti viaggiatori italiani. Del resto come non appassionarsi alle tante piccole isole del mar Egeo o alle numerose città ricche di storia e di tradizioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Palma de Maiorca: spiagge fuori dal comune!

Maiorca è la maggiore tra le isole Baleari. Conta ben 750.000 abitanti, molti dei quali vivono nel capoluogo: sono in molti a scegliere le spiagge di Palma de Maiorca come destinazione per le vacanze, soprattutto nel periodo estivo; è facilmente raggiungibile dall'Italia e consente di trascorrere una vacanza tra bellezze naturali e culturali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Vie ferrate delle Dolomiti di Brenta: ecco qualche consiglio utile

Si trova in provincia di Trento l’unico gruppo dolomitico che sorge ad ovest del fiume Adige. Si tratta delle Dolomiti di Brenta, una sottosezione delle Alpi Retiche meridionali, che si sviluppa per circa 40 km da nord a sud e per circa 12 km da est a ovest all’interno del parco naturale Adamello-Brenta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Clima USA: 9 aree climatiche negli Stati Uniti d'America

L'America, così come tutte le grandi nazioni, presenta un'interessante varietà di situazioni climatiche. Il clima degli USA viene generalmente diviso in nove zone, di cui presentiamo una breve descrizione.

Leggi tutto...
Go to Top