Italia in miniatura: prezzi e tante informazioni in questo nostro approfondimento quotidiano. Nei pressi di Rimini esiste da tantissimi anni uno dei parchi di divertimento tematici più famosi d'Italia, utile anche a chi vuole imparare tante cose sul nostro paese: l'Italia in Miniatura.

Questa struttura deve la sua fama all'ambientazione estremamente curata, ad attrazioni che hanno poco da invidiare agli altri luna park e, non ultimo, al suo valore educativo; vedremo, nell'articolo che segue, in cosa consistano queste caratteristiche.

L'idea alla base del parco del parco

Il parco fu ideato da Rambaldi nei primi anni '70, e la sua particolarità rispetto ad altri parchi divertimento che puntano più sull'intrattenimento, è il fatto di presentare una serie di riproduzioni in scala delle principali attrazioni e monumenti del nostro territori.

I monumenti di Italia in Miniatura

L'Italia in miniatura punta dunque non solo sull'intrattenimento ma anche sulla suggestione di avere tante opere del patrimonio culturale italiano a portata di mano. Per tenere il passo con i parchi divertimento sorti durante gli ultimi decenni, ha apportato delle innovazioni tecnologiche e attrazioni meccaniche, anche se il percorso fra le miniature del Colosseo o del Duomo rimane la cosa più suggestiva.

Gli eventi a tema

Oltre alla scoperta dei monumenti del nostro paese, Italia in Miniatura organizza periodicamente degli eventi a tema, nei quali i piccoli ospiti del parco possono giocare con i loro coetanei in sfide a squadre gestite da un efficientissimo corpo di animazione.
Particolarmente apprezzato da grandi e piccini è l'Halloween Park, una manifestazione in cui lo staff da il meglio di sé organizzando spettacoli e attività legate alla festività d'oltreoceano.

Come raggiungere Italia in Miniatura

Immagine utilizzata nell'articolo Italia in miniatura: prezzi e informazioni utili

Per chi arriva in auto, si prende l'autostrada A14 Bologna-Ancona, uscendo a Rimini nord e seguendo le indicazioni per Rimini – Italia in Miniatura. Chi viene dalla Statale Adriatica, uscita al km 197.
Per chi viaggia in treno, scendere a Rimini – Viserba sulla tratta Ancona-Milano. Dal piazzale della stazione prendere il bus 8.

I prezzi

Il costo del biglietto per entrare nel parco varia a seconda del calendario, con forti sconti nei periodo in cui le attrazioni non sono in funzione.
Il sito del parco aggiorna gli eventi trimestralmente, presentiamo a seguire le fasce le differenti tipologie di biglietto:

Con le strutture non in funzione:

Con le attrazioni operative:

  • adulti 22;
  • bambini 18;

Nel corso di eventi speciali:

  • adulti 20;
  • bambini 15.

Gruppi organizzati e scolaresche possono inoltre beneficiare di una tariffa scontata; sono inoltre disponibili i pass stagionali, per quanti vogliano godere delle attrazioni di Italia in Miniatura tutto l'anno!

Sei di Rimini se... è un progetto che permette di usufruire di speciali sconti riservati a chi la possiede e vuole risparmiare durante una vacanza a Rimini. Tra gli affiliati troverete hotel, ristoranti, bar e svariate attività commerciali della provincia.

Seidiriminise.it ha avuto enorme successo con la creazione del gruppo su Facebook Sei di Rimini se… e in breve contava più di 8000 membri. Un modo che permette ai turisti di conoscere la città da un punto di vista culturale e locale, legato alle tradizioni e non solo, con la sua solita fama di meta incredibile votata al mare e al divertimento.

Dal 2014 è stato raccolto materiale in grado di rispondere alle domande di chi la città la vive e di chi la sperimenta viaggiando. La partecipazione delle persone che vivono Rimini ogni giorno contribuisce a incrementare il valore di questo sito web, che vuole fornire informazioni utili e dall'altro lato vuole promuovere gli eventi e i servizi che la Romagna offre.

Perchè scegliere Rimini per una vacanza

La Riviera Romagnola si è sempre distinta per il suo approccio innovativo per ciò che concerne le idee turistiche e questa è una nuova concezione degna di nota!
Nel gruppo è emersa la voglia da parte dei membri abitanti, e non, di fornire informazioni e allo stesso tempo di dare spunto alla ricerca di nuove.

E la meraviglia è che gli abitanti della provincia hanno iniziato a raccontare la storia, i modi di fare, le ricette, i gusti, l'arte che la stessa offre, con l'intento di suscitare la curiosità di volerla visitare, ma allo stesso tempo di predisporre un punto di riferimento per chi arriva qui per la prima volta e cerca un supporto dalla community.

Un modo di condividere le tradizioni in modo nuovo e "social"

Affascinano i racconti di storia antica, storia del turismo e contemporanea, non mancano racconti di personaggi famosi, oggi ricordati nei musei, negli eventi e nelle esposizioni. Poi si sa, la provincia offre divertimenti, benessere, escursioni e sport, non dimentichiamo le grandi passioni per i motori e per il ciclismo.

Con Sei di Rimini se... puoi sperimentare una vacanza social a prezzi convenienti.

Sul portale di Seidiriminise.it potrete conoscere gli eventi locali, i servizi utili, le attività commerciali di Rimini, gli hotel, i ristoranti, la spiaggia (o i bagni) e, non da meno, le associazioni e attività di beneficenza.
La Fidelity Card di Sei di Rimini se... introduce un'idea nuova di trascorrere la vacanza, cavalcando l'esigenza del risparmio.

Il progetto cresce continuamente e realizza collaborazioni per poter offrire un servizio sempre più vasto e tangibile, dedicato a chi Rimini la Ama... quindi segui la nostra pagina Sei di Rimini se... Ami Rimini.

Viaggio tra i borghi della riviera romagnola

La riviera romagnola, oltre al mare e alla spiagge, offre a chi intende visitarla numerose alternative: molti infatti i percorsi enogastronimici ( incentrati prevalentemente sul piatto tipico della romagnola ossia la piadina) e gli itinerari alla scoperta del territorio. Tra questi ultimi di grande successo e di considerevole interesse sono gli itinerari che portano alla scoperta dei numerosi borghi e delle innumerevoli rocche medievali disseminate per tutto il territorio della riviera romagnola.

Si tratta di itinerari che possono essere percorsi tradizionalmente oppure, per gli appassionati, tramite l’utilizzo del più comune mezzo di trasporto a due ruote non inquinante: la bicicletta. I ciclo itinerari, volti a coniugare la bellezza dei luoghi da visitare con il fascino di un contatto diretto con la natura, sono particolarmente apprezzati soprattutto durante la primavera, quando il tempo e le temperature rendono piacevole l’esperienza. I luoghi da poter visitare sono tutti diversi e affascinanti, e non resta altro che prenotare il proprio hotel a Gabicce e scegliere uno dei numerosi itinerari per i borghi medievali della romagna.

Alla scoperta dei borghi medievali

Tra le tante bellezze di cui può vantarsi la riviera romagnola, vanno sicuramente annotati i numerosi borghi medievali presenti sul territorio; soprattutto perché non si parla di luoghi abbandonati e dimenticati, ma spesso si tratta di luoghi ancora vivi, dove passato e presente hanno saputo fondersi in un connubio senza precedenti. I borghi della riviera romagnola hanno saputo rinascere a nuova vita, facendo della loro passata bellezza il loro biglietto da visita, imparando tuttavia a stare al passo di questa nuova modernità fatta di tecnologia e frenesia.

Tanti sono gli itinerari che, attraversando l’entroterra romagnolo, portano alla scoperta dei borghi e delle rocche di epoca medievale; tra questi ricordiamo sicuramente il percorso che permette ai turisti di giungere alla rocca malatestiana di Montebello, costruita sul picco di un monte e famosa in tutto il mondo per la storia del fantasma di Azzurrina ( figlia di Ugolinoccio Malatesta) la quale sarebbe scomparsa dal castello in età giovanissima e che sembra infestare ancora oggi il castello.

Ad aver successo tra i turisti anche l’itinerario che porta a Gradara, piccolo borgo medievale la cui fama e fortuna è legata ad uno dei amori più conosciuti e tormentati della storia: quello tra Paolo e Francesca, raccontato nel canto V dell’Inferno dantesco. Il castello di Gradara è ogni anno visitato da numerosi turisti desiderosi di rivivere quell’amore cosi intenso e sfortunato. Assolutamente da percorrere è poi l’itinerario che porta ai borghi medievali di Santarcangelo, Montescudo, Montegridolfo, Saludecio e Mondaino; borghi e rocche erette durante il dominio della famiglia Malatesta e ancor oggi ricchi di storia, arte e cultura.

Di particolare bellezza è inoltre il borgo medievale di San Leo, costruito su un enorme sperone di roccia: salendo fino al castello sarà possibile godere di uno dei panorami più spettacoli di tutto il territorio. Dal castello di San Leo sarà infatti possibile godere di una vista spettacolare, unica nel suo genere, quasi a padroneggiare l’intero orizzonte visibile.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group