Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

I monsoni sono venti periodici e stagionali, la cui direzione si inverte da un semestre all'altro, che nascono dalle escursioni termiche che ci sono tra le masse d'aria continentali e quelle oceaniche.

In particolare, nel periodo estivo, la terra tende a riscaldarsi più velocemente rispetto a mari ed oceani. Di conseguenza, l'aria calda continentale tende ad innalzarsi maggiormente nell'atmosfera, richiamando così quella oceanica, altrettanto calda ed umida. Il tutto fa formare un vento che quindi favorisce un clima particolarmente umido sul Continente ed associato a precipitazioni considerevoli (il monsone estivo).
Un meccanismo simile ma inverso capita invece nel periodo invernale. Infatti, l'aria continentale tende a raffredarsi, mentre quella oceanica risulta essere molto più calda. La conseguenza è che il vento monsonico tende a spirare, in questo caso, dalla terra verso l'oceano, avviando la stagione secca (il monsone invernale). In realtà, fenomeni simili esistono anche in altre aree geografiche della terra, tuttavia nella zona asiatica sono particolarmente accentuati a causa della vastità sia del territorio continentale che degli adiacenti oceani Indiano e Pacifico.

Come si formano e quando? I monsoni influenzano profondamente il clima del subcontinente indiano fino al sud del Giappone, area climatica in cui si distinguono due stagioni principali:

  • la stagione secca che si sviluppa durante l’inverno dell’emisfero boreale. I monsoni, in tal caso, provengono dalle montagne indiane e soffiano in direzione del mare. La stagione secca è caratterizzata da un clima arido e caldo.
  • La stagione delle piogge (estate boreale tra giugno e settembre) caratterizzata da venti monsonici che spirano, al contrario che in inverno, dal mare verso il continente. Le precipitazioni sono così causate dall’aria umida trasportata dai monsoni.

Informazioni utili

I monsoni estivi provocano in generale piogge abbondanti, i monsoni invernali invece determinano un clima freddo e asciutto. Nelle zone colpite dai monsoni ci sono due stagioni, che si differenziano soprattutto per la quantità di piogge e per il tasso di umidità presente nell’aria, generalmente una stagione è secca e l’altra è umida. In base a diversi studi effettuati da climatologi esperti è emerso che questi venti sono provocati dal surriscaldamento della terra e dalla temperatura fredda dell’oceano.

E’importante sapere che dal mese di marzo al mese di giugno il vento si arresta e in questo periodo il clima è molto torrido. In linea di massima il mese più caldo è giugno, periodo in cui anche l’agricoltura risente molto del clima e i campi tendono a inaridirsi. Nelle zone che si trovano nel sud -est dell’Asia gli inverni sono mediamente caldi e c’è poca umidità. Nelle zone del nord-est i mesi invernali sono asciutti perchè il passaggio dei venti provenienti dalla parte centrale dell’ India è bloccato dalla catena dell’Himalaya, che svolge una vera e propria funzione di barriera protettiva.

Spesso in queste zone le temperature possono essere molto alte. E’importante sapere che quando i venti soffiano dalla penisola verso l’estremità, assorbono umidità dal Bay di Bengal e causano piogge torrenziali che spesso durano per mesi. Quando si decide di partire per una località lontana è bene informarsi se la zona è interessata dal fenomeno dei monsoni e quali condizioni climatiche e meteorologiche si rischiano di incontrare durante il periodo di soggiorno.

Infatti, risulta particolarmente importante, per quei turisti che desiderano visitare le aree del Sud-Est asiatico e dell'Indocina (quali India, Bangladesh, Vietnam ed altri), partire in periodi adeguati ed evitare invece quelli in cui i monsoni possono provocare eventi atmosferici estremi e pericolosi, quali appunto tifoni o cicloni, come detto. Notizie possono essere raccolte facilmente sia su siti internet affidabili che dagli operatori delle agenzie di viaggi, naturalmente in fase di preparazione del viaggio stesso.

Solo dopo aver recepito tutte le informazioni utili è possibile capire se la stagione della zona in questione permette di trascorrere una vacanza ideale e se eventualmente è preferibile portare in valigia alcuni capi di vestiario piuttosto che altri. La terra di Cherrapunjee, conosciuta anche con il nome di Cerrapungi, in Asia orientale, è la zona più piovosa della Terra, da recenti rilevazioni è emerso che in questa località, cadono circa 12 metri di pioggia l’anno.

Com’è stato già detto in precedenza questi venti provocano piogge abbondanti nel continente asiatico, ma anche in altre zone della terra, come la Somalia, il Golfo di Guinea, l’Australia, Il Golfo del Messico, alcuni paesi dell’Europa, le coste del Venezuela, alcune zone della Penisola Iberica e della Russia settentrionale.

 

Potrebbe interessarti

Temperatura e clima a Sharm el Sheik: quando partire?

Il clima è di tipo equatoriale asciutto. La mancanza, quasi assoluta, di precipitazioni, rendono la temperatura di Sharm più accettabile.

Leggi tutto...

Meteo Sud Africa: quando partire?

Il meteo in Sud Africa è vario perchè condizionato da tre fattori: dalla vasta estensione territoriale, dall’altitudine e dalla vicinanza con il mare. Infatti, questo esteso territorio è costituito da montagne, praterie, steppe, boscaglie, deserti di sabbia rossa e pianure costiere.

Leggi tutto...

Clima Mediterraneo

Caratteristiche clima Mediterraneo: Il clima Mediterraneo è caratterizzato da temperature e condizioni atmosferiche temperate e miti. Le estati sono calde ed asciutte, gli inverni sono piovosi ma miti con temperature che ogni tanto scendono sotto lo zero, le primavere sono piovose con giornate calde e l’autunno è caratterizzato da un clima non rigido.

Leggi tutto...

Escursione in barca vela sul Lago d'Iseo

Le bellezze in cui ci si può imbattere nel corso di una gita al Lago d'Iseo sono tante e sorprendenti: stabilire un itinerario prima di un viaggio può essere utile per non rimanere disorientati. Si potrebbe cominciare, per esempio, dal parco di Luine, in Val Camonica: si tratta di un parco archeologico (ce ne sono altri sei in questa valle) che permette di osservare incisioni rupestri realizzate migliaia e migliaia di anni orsono.

Leggi tutto...

Clima Grecia: quando conviene partire?

Il clima della Grecia è generalmente di tipo Mediterraneo anche se in alcune zone, come la Macedonia e l'Epiro, è presente un clima di tipo balcanico con inverni freddi ed estati calde.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Clima della Colombia: le informazioni prima del viaggio!

La Colombia si trova proprio sull’equatore; uno spartiacque tra l’America del Nord e quella del Sud. Questa nazione comprende anche tante isole, le principali sono: Gorgonia, Santa Catalina, Providencia la Isla del Rosario e San Andres. Il territorio è attraversato dalla Cordigliera delle Ande che presenta vette che raggiungono anche i 5800 metri e, per questa ragione, il clima della Colombia è piuttosto vario.

Leggi tutto...

Clima Mediterraneo

Caratteristiche clima Mediterraneo: Il clima Mediterraneo è caratterizzato da temperature e condizioni atmosferiche temperate e miti. Le estati sono calde ed asciutte, gli inverni sono piovosi ma miti con temperature che ogni tanto scendono sotto lo zero, le primavere sono piovose con giornate calde e l’autunno è caratterizzato da un clima non rigido.

Leggi tutto...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Fattori climatici: tutti gli elementi da considerare!

Il clima, cosi come la temperatura o le precipitazioni, può influenzare molto la vita, anche quotidiana, di un paese.

Leggi tutto...

Meteo Zanzibar a gennaio: alla scoperta di una perla africana

Una vacanza a Zanzibar è un’esperienza unica e indimenticabile. Nota come l’isola delle spezie perché da sempre fiorente mercato di chiodi di garofano e aromi esotici, Zanzibar con le sue bellezze e i suoi colori, attira turisti da tutto il mondo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Itinerari in Toscana: cosa vedere durante la tua vacanza in Toscana

Lo sanno tutti: la Toscana è una terra capace di regalare emozioni senza fine a chi decide di sceglierla come meta per le proprie vacanze. Suggerire un itinerario ideale non è affatto semplice anzi, è assolutamente impossibile, vista la vastità di posti che è possibile visitare e che andranno a conquistare il cuore in base agli interessi e ai gusti personali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Clima alle Seychelles: il periodo migliore per visitarle?

Il clima alle Seychelles e’ facilmente descrivibile, si tratta di un clima sempre caldo e costante durante tutto l’anno. Per essere più precisi si può definire il clima Seychelles come un clima tropicale ed umido.

Leggi tutto...
Go to Top