Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

I monsoni sono venti periodici e stagionali, la cui direzione si inverte da un semestre all'altro, che nascono dalle escursioni termiche che ci sono tra le masse d'aria continentali e quelle oceaniche.

In particolare, nel periodo estivo, la terra tende a riscaldarsi più velocemente rispetto a mari ed oceani. Di conseguenza, l'aria calda continentale tende ad innalzarsi maggiormente nell'atmosfera, richiamando così quella oceanica, altrettanto calda ed umida. Il tutto fa formare un vento che quindi favorisce un clima particolarmente umido sul Continente ed associato a precipitazioni considerevoli (il monsone estivo).
Un meccanismo simile ma inverso capita invece nel periodo invernale. Infatti, l'aria continentale tende a raffredarsi, mentre quella oceanica risulta essere molto più calda. La conseguenza è che il vento monsonico tende a spirare, in questo caso, dalla terra verso l'oceano, avviando la stagione secca (il monsone invernale). In realtà, fenomeni simili esistono anche in altre aree geografiche della terra, tuttavia nella zona asiatica sono particolarmente accentuati a causa della vastità sia del territorio continentale che degli adiacenti oceani Indiano e Pacifico.

Come si formano e quando? I monsoni influenzano profondamente il clima del subcontinente indiano fino al sud del Giappone, area climatica in cui si distinguono due stagioni principali:

  • la stagione secca che si sviluppa durante l’inverno dell’emisfero boreale. I monsoni, in tal caso, provengono dalle montagne indiane e soffiano in direzione del mare. La stagione secca è caratterizzata da un clima arido e caldo.
  • La stagione delle piogge (estate boreale tra giugno e settembre) caratterizzata da venti monsonici che spirano, al contrario che in inverno, dal mare verso il continente. Le precipitazioni sono così causate dall’aria umida trasportata dai monsoni.

Informazioni utili

I monsoni estivi provocano in generale piogge abbondanti, i monsoni invernali invece determinano un clima freddo e asciutto. Nelle zone colpite dai monsoni ci sono due stagioni, che si differenziano soprattutto per la quantità di piogge e per il tasso di umidità presente nell’aria, generalmente una stagione è secca e l’altra è umida. In base a diversi studi effettuati da climatologi esperti è emerso che questi venti sono provocati dal surriscaldamento della terra e dalla temperatura fredda dell’oceano.

E’importante sapere che dal mese di marzo al mese di giugno il vento si arresta e in questo periodo il clima è molto torrido. In linea di massima il mese più caldo è giugno, periodo in cui anche l’agricoltura risente molto del clima e i campi tendono a inaridirsi. Nelle zone che si trovano nel sud -est dell’Asia gli inverni sono mediamente caldi e c’è poca umidità. Nelle zone del nord-est i mesi invernali sono asciutti perchè il passaggio dei venti provenienti dalla parte centrale dell’ India è bloccato dalla catena dell’Himalaya, che svolge una vera e propria funzione di barriera protettiva.

Spesso in queste zone le temperature possono essere molto alte. E’importante sapere che quando i venti soffiano dalla penisola verso l’estremità, assorbono umidità dal Bay di Bengal e causano piogge torrenziali che spesso durano per mesi. Quando si decide di partire per una località lontana è bene informarsi se la zona è interessata dal fenomeno dei monsoni e quali condizioni climatiche e meteorologiche si rischiano di incontrare durante il periodo di soggiorno.

Infatti, risulta particolarmente importante, per quei turisti che desiderano visitare le aree del Sud-Est asiatico e dell'Indocina (quali India, Bangladesh, Vietnam ed altri), partire in periodi adeguati ed evitare invece quelli in cui i monsoni possono provocare eventi atmosferici estremi e pericolosi, quali appunto tifoni o cicloni, come detto. Notizie possono essere raccolte facilmente sia su siti internet affidabili che dagli operatori delle agenzie di viaggi, naturalmente in fase di preparazione del viaggio stesso.

Solo dopo aver recepito tutte le informazioni utili è possibile capire se la stagione della zona in questione permette di trascorrere una vacanza ideale e se eventualmente è preferibile portare in valigia alcuni capi di vestiario piuttosto che altri. La terra di Cherrapunjee, conosciuta anche con il nome di Cerrapungi, in Asia orientale, è la zona più piovosa della Terra, da recenti rilevazioni è emerso che in questa località, cadono circa 12 metri di pioggia l’anno.

Com’è stato già detto in precedenza questi venti provocano piogge abbondanti nel continente asiatico, ma anche in altre zone della terra, come la Somalia, il Golfo di Guinea, l’Australia, Il Golfo del Messico, alcuni paesi dell’Europa, le coste del Venezuela, alcune zone della Penisola Iberica e della Russia settentrionale.

 



Potrebbe interessarti

5 consigli per una vacanza last minute indimenticabile

L’estate si sta avvicinando e, con essa, anche il momento in cui saremo indotti a prenotare le nostre vacanze last minute. Ma quali sono i migliori consigli da tenere a mente per un viaggio indimenticabile? Ne abbiamo riassunti 5: vediamoli insieme!

Leggi tutto...

Il Clima in Oceania: quando viaggiare in Australia?

Le stagioni del clima Oceania sono invertite rispetto a quelle dell'emisfero Nord del pianeta.

Leggi tutto...

Volo Bari-Madrid: nuovo collegamento per l'aeroporto del capoluogo pugliese

Il gruppo IAG holding rafforza la propria presenza in Puglia: già attivo sull'aeroporto di Bari e su quello di Brindisi con British Airways e Vueling, ora vede aggiungersi il collegamento tra lo scalo del capoluogo e Madrid assicurato da Iberia Express.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Capo Verde: Africa da vivere in un luogo incontaminato

Capo Verde è un arcipelago di dieci isole di origine vulcanica site tra i tre continenti su cui si affaccia l’Oceano Atlantico. L’arcipelago fa parte del continente africano ed è considerato uno dei luoghi ancora incontaminati sulla terra; si trova a circa 500 km dalle coste del Senegal, di fronte alla parte più occidentale dell’Africa.

Leggi tutto...

I più condivisi

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Clima a Zanzibar: il periodo giusto per viaggiare!

Il clima Zanzibar è di tipo tropicale e quindi soggetto a cambiamenti anche repentini; in una giornata di sole è facile che si verifichi un abbondante acquazzone che però può durare solo 5 minuti.

Leggi tutto...

Clima in Marocco: scopri le temperature del paese!

Il clima in Marocco è vario a seconda della regione, in linea generale il clima Marocco può essere definito clima continentale con precipitazioni non troppo intense nell’entroterra e di tipo mediterraneo lungo le coste.

Leggi tutto...

Il Clima alle Seychelles: il periodo migliore per visitarle?

Il clima alle Seychelles e’ facilmente descrivibile, si tratta di un clima sempre caldo e costante durante tutto l’anno. Per essere più precisi si può definire il clima Seychelles come un clima tropicale ed umido.

Leggi tutto...

Clima in Thailandia: il periodo migliore per un viaggio

Il clima Thailandia è tropicale monsonico. Tuttavia a causa della sua conformazione geografica, la Thailandia, abbracciando ben 16° di latitudine, ha il clima più vario di tutto il Sud-Est asiatico. Il clima Thailandia è influenzato dai venti monsoni che originano tre stagioni meteorologiche a nord, ad est ed al centro, e due sole stagioni nell’area meridionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Isole dei Caraibi, un viaggio nel Paradiso

Quanti di noi hanno sognato una vacanza rilassante in una delle affascinanti e bellissime isole dei Caraibi? Su un campione ipotetico di cento persone, molto probabilmente la quasi totalità sogna di passare una vacanza in una di queste isole, dove riposare corpo e mente, lontano anni luce dalla realtà quotidiana.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Clima alle Maldive: temperature e meteo nelle isole

Il clima alle Maldive è di carattere tropicale e condizionato dalla presenza dei monsoni. I venti monsonici caratterizzano due stagioni: l’inverno asciutto e l’estate umida.

Leggi tutto...
Go to Top