Per le persone che decidono di andare in vacanza in camper è necessario curare con la massima attenzione ogni dettaglio, incluso il periodo prescelto per la partenza. In alta stagione, per esempio, è bene ricordarsi di prenotare uno stallo di sosta, e magari dare uno sguardo ai prezzi in anticipo per evitare di ritrovarsi alle prese con tariffe sorprendenti e più elevate del previsto. A proposito di costi, tutti gli accorgimenti utili per contenerli sono ben accetti, a cominciare dalla necessità di fare il pieno di carburante con il self service per spendere meno; in molti distributori, inoltre, la benzina il sabato e la domenica costa di più.

Rifornirsi di cibo e bevande

Come si mangia quando si viaggia in camper? Tutto dipende da ciò che si è disposti a spendere: i programmi di pranzo e cena messi a disposizione dalle aree di sosta sono senza dubbio più dispendiosi del fai da te ma, al tempo stesso, più convenienti delle proposte dei ristoranti locali. Tenere sempre a portata di mano un po' di scorte di cibo è sempre utile. Non è detto che si debba optare solo per le scatolette, comunque: basta saper scegliere nel fresco per avere a disposizione anche frutti e ortaggi. Le arance, le mele, le banane e le pere, per esempio, sono frutti che non hanno bisogno del frigorifero, mentre tra le verdure vale la pena di mettere alla prova le patate e le cipolle. Sempre in vista della spesa, la pasta e il riso - meglio se integrali - sono nutrienti e a buon mercato, utili per preparare sia piatti caldi che pietanze da gustare fredde.

L'area di sosta: ecco come sceglierla

Uno degli aspetti a cui si deve badare in previsione di un viaggio in camper è la scelta della piazzola di sosta con il relativo costo. Per individuare le soluzioni migliori ci si può lasciare aiutare da Internet, leggendo le recensioni e le opinioni fornite dagli ospiti e dai turisti che hanno già avuto modo di provare questa o quell'area. Inoltre, se se ne ha la possibilità, può essere utile una prova di pochi giorni, magari in occasione delle festività di Pasqua o durante un ponte primaverile, prima di prenotare una piazzola per un mese o più, al fine di verificare la sua capacità di soddisfare qualsiasi esigenza.

Viaggiare in camper a Senigallia, a Bari, a Cermenate o in qualsiasi altra zona del nostro Paese può essere un po' più impegnativo del solito se ci sono anche dei bambini: i piccoli, infatti, hanno bisogno di spazio, e le difficoltà possono aumentare se le tratte che devono essere affrontate sono piuttosto lunghe. Per mantenere intatto il loro entusiasmo, è fondamentale la scelta del giusto itinerario.

Ma proprio qui sta l'aspetto più interessante delle vacanze in camper: non è obbligatorio stabilire in modo definitivo una destinazione unica, dal momento che l'essenza del viaggio è il viaggio stesso. Il come, il dove e il quando si viaggia possono cambiare in base all'evolversi della vacanza: nulla vieta di modificare le proprie aspettative con il passare dei giorni. C'è chi ama i villaggi super attrezzati con ogni genere di comfort e chi, invece, predilige le opzioni più spartane, all'insegna dell'avventura: come si suol dire, a ciascuno il suo, purché ci si diverta e si stia bene.

Consigli per una vacanza in camper indimenticabile

Viaggiare in camper non è come guidare l’auto nel traffico cittadino, per questo non bisogna sentirsi troppo sicuri di essere capaci di parcheggiare o affrontare le strade più strette e tortuose. Questo accade nello specifico se il mezzo che avete scelto è di grandi dimensioni. Il nostro consiglio, quindi, è quello di effettuare qualche giro di prova con il vostro camper per perfezionare le capacità alla guida.

Non dimenticate, inoltre, che l’angolo di visuale, spesso, può essere compromesso fortemente dalla struttura del camper stesso e che lo spazio della frenata, ovviamente, sarà molto più ampio di quello che serve per fermarsi solitamente al semaforo con una utilitaria.

Pianificare le tappe

Lasciarsi andare alle avventure è un sogno di tutti i camperisti, ma per la prima vacanza in camper è sempre meglio pianificare prima un itinerario di viaggio.

Sapere con precisione dove si vuole andare è molto importante per scegliere anticipatamente i campeggi in cui fermarsi, le mete da non perdere e le aree di sosta in cui rifornirsi.

Sarebbe davvero un peccato rendersi conto all’ultimo momento che quel campeggio nei pressi della spiaggia che desideravate vedere è chiuso o che nei pressi della tappa precedente potevate visitare un sito importante ma ne avete perso l’occasione.

Considerare tutti i costi

Se pensate di avere le idee chiare su quanto vi costerà le vacanze in camper soltanto perché avete quantificato il carburante che utilizzerete potreste scoprire di avere sbagliato.

Oltre a questo, dovrete, spesso, aggiungere il costo per gli approvvigionamenti dell’acqua, per le soste in campeggi ed aree apposite, per il gas da cucina e da riscaldamento e per gli svuotamenti dello scarico.

Naturalmente non bisogna dimenticare i costi dei pedaggi autostradali che possono influire molto sui costi della vacanza in camper.

Non affidarti solo alle indicazioni stradali

Se avete affrontato già qualche viaggio in auto, sapete bene che affidarvi soltanto alle indicazioni stradali non è una buona idea. Infatti, i cartelli stradali con la vostra destinazione scompariranno proprio nel momento peggiore con il risultato che finirete per girare in tondo o vi ritroverete a parecchi chilometri di distanza dalla meta.

Per una vacanza in camper, portate sempre con voi un navigatore satellitare e una cartina stradale perché potreste anche ritrovarvi in aree poco coperte dal segnale.

Potrebbe interessarti

Escursione in barca vela sul Lago d'Iseo

Le bellezze in cui ci si può imbattere nel corso di una gita al Lago d'Iseo sono tante e sorprendenti: stabilire un itinerario prima di un viaggio può essere utile per non rimanere disorientati. Si potrebbe cominciare, per esempio, dal parco di Luine, in Val Camonica: si tratta di un parco archeologico (ce ne sono altri sei in questa valle) che permette di osservare incisioni rupestri realizzate migliaia e migliaia di anni orsono.

Parco Safari Murazzano: i 70 ettari di natura incontaminata

Immagine usata nell'articolo Parco Safari: a Murazzano 70 ettari di natura incontaminata e specie animali

Il Parco Safari di Murazzano è un’area di circa 70 ettari, nata nel 1976, che ospita tantissimi animali in un habitat naturale e incontaminato. Nel Parco Safari vivono circa 350 animali corrispondenti a più di 40 specie diverse. Il Parco ospita anche delle specie minacciate e a rischio di estinzione come le tigri siberiane.

Ecosistema mediterraneo: un approfondimento da non perdere

Nelle aree geografiche caratterizzate dal clima Mediterraneo si praticano da tempo l’agricoltura e l’allevamento; laddove non vi siano campi coltivati cresce una vegetazione sempreverde detta macchia mediterranea o chaparral o bush, formata soprattutto da arbusti e cespugli come il rosmarino, il ginepro, la ginestra, l'oleandro, il pino marittimo e l'olivo.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Viaggio in Sicilia: cosa vedere e dove andare per godersi l'Isola

Immagine usata nell'articolo Viaggio in Sicilia: cosa vedere e dove andare per godersi l'Isola

La Sicilia, la più grande isola e vanto turistico del Bel Paese. Culla di storia e natura, di colori e profumi è di certo una delle mete più complete per un viaggio: probabilmente non basterebbero mille pagine per elencare tutte le meraviglie siciliane che varrebbe la pena visitare.

Clima in Thailandia: ecco il periodo migliore per un viaggio

Immagine utilizzata nell'articolo Clima in Thailandia: ecco il periodo migliore per un viaggio

Il clima Thailandia è tropicale monsonico. Tuttavia a causa della sua conformazione geografica, la Thailandia, abbracciando ben 16° di latitudine, ha il clima più vario di tutto il Sud-Est asiatico. Il clima Thailandia è influenzato dai venti monsoni che originano tre stagioni meteorologiche a nord, ad est ed al centro, e due sole stagioni nell’area meridionale.

Leggi anche...

Noleggiare una barca, quali sono i vantaggi

barca.jpg

Capita a molti proprietari di acquistare le barche per poi non utilizzarle, un peccato considerato l’investimento notevole compiuto inizialmente per l’acquisto e anche per la manutenzione. Un bene insomma che non viene sfruttato per come si crede nonostante ci siano molte attività e destinazioni divertenti da raggiungere e godere con la barca, si pensi alle passeggiate estive del fine settimana.

Leggi anche...

Alto Adige: vacanze innevate per gli amanti degli sport invernali

immagine relativa all'articolo Alto Adige sport invernale

Organizzare una vacanza nei mesi invernali in Alto Adige vuol dire vivere una bellissima esperienza fra i paesaggi meravigliosi delle Dolomiti godendo delle piste innevate e dei sentieri che riescono ad accontentare anche il turista più esigente.

Leggi anche...

Clima in Colombia: le informazioni di cui hai bisogno prima del viaggio!

Immagine utilizzata nell'articolo Clima in Colombia: le informazioni di cui hai bisogno prima del viaggio!

La Colombia si trova proprio sull’equatore; uno spartiacque tra l’America del Nord e quella del Sud. Questa nazione comprende anche tante isole, le principali sono: Gorgonia, Santa Catalina, Providencia la Isla del Rosario e San Andres. Il territorio è attraversato dalla Cordigliera delle Ande che presenta vette che raggiungono anche i 5800 metri e, per questa ragione, il clima della Colombia è piuttosto vario.

Go to Top