Nelle aree geografiche caratterizzate dal clima Mediterraneo si praticano da tempo l’agricoltura e l’allevamento; laddove non vi siano campi coltivati cresce una vegetazione sempreverde detta macchia mediterranea o chaparral o bush, formata soprattutto da arbusti e cespugli come il rosmarino, il ginepro, la ginestra, l'oleandro, il pino marittimo e l'olivo.

Gli ecosistemi mediterranei sono contraddistinti da uno sviluppo circoscritto poiché, ad una indubbia lontananza dalla costa, l'effetto mitigatore del mare o dell'oceano si indebolisce e il clima si fa continentale.

Zone a clima mediterraneo

Alcune aree che si trovano vicino ai Tropici mostrano un clima simile a quello mediterraneo, considerato clima subtropicale ed hanno un ecosistema che corrisponde per caratteristiche a quello mediterraneo. Tali aree si estendono in:

  • America del Nord e più precisamente la costa Californiana centrale e meridionale.
  • America meridionale e più precisamente l’area del Cile centrale delimitata dalla Cordigliera delle Ande.
  • Africa meridionale e più precisamente una piccola area costiera nella parte sudoccidentale del Sudafrica
  • Australia e più precisamente due regioni diverse: zona sudovest del paese del Western Australia e territorio ad est della Grande Baia Australiana.

I climi delle due zone temeperate, Australe e Boreale, si alternano in base alle quattro stagioni. Qui i raggi solari non sono perpendicolari per cui l’ambiente non si surriscalda. Queste zone sono interessate da un clima temperato caldo con inverni miti e piovosi, ed estati calde e asciutte.
In genere le piogge si distribuiscono durante l’anno in maniera variabile. All’interno di queste zone si riscontra anche una varietà di situazioni climatiche: clima temperato freddo o fresco e umido, clima temperato caldo (mediterraneo) in quelle regioni esposte sul mare.

Caratteristiche di questi ambienti

Gli ecosistemi mediterranei si sviluppano nelle zone occidentali dei paesi che si affacciano sull’Oceano e che si situano intorno al 35° parallelo o al massimo si estendono sino al parallelo 45 verso i poli e al 30° parallelo verso l’Equatore.

Come detto prima, nelle regioni temperate calde, troviamo una vegetazione che cresce spontaneamente con alberi e arbusti aromatici sempreverdi, la macchia mediterranea.
Fanno parte di questa vegetazione anche le piante dalle foglie piccole e resistenti, sugheri, lecci e pini. Veramente tipici sono le piante di ulivo e la vite che sono adatte ad affrontare sia le estati aride che gli inverni freddi.
L’alternanza delle stagioni, ed in particolare quella secca e quella piovosa, influenzano anche i fiumi, soprattutto quelli più piccoli. D’estate si asciugano e d’inverno si ingrossano determinando, spesso, delle inondazioni. La conseguenza della siccità estiva sta nell’impossibilità della vegetazione di crescere.
L’allevamento ne viene influenzato: è il caso della transumanza, quando le mandrie di ovini vengono condotte verso le pianure in inverno e verso le montagne in estate.
Per quanto riguarda la fauna, in questo ecosistema vivono gli uccelli migratori come le rondini, i gabbiani, gli aironi e le cicogne. Anche il mare, è abitato da pesci tipici del Mar Mediterraneo come il pesce azzurro di cui fanno parte, ad esempio, le sardine, le alici e lo sgombro.

Differenze tra ecosistemi

Le zone continentali interne sono caratterizzate da distese di praterie, dove crescono piante erbacee basse. Qui, a causa della scarsità di piogge e non trovando il giusto terreno, gli alberi non crescono. Le praterie si estendono in America settentrionale, in Argentina (pamapas), in Australia e nella zona compresa tra l’Europa dell’est e la Mongolia.
In alcune zone costiere continentali dove il clima è fresco e umido, sono diffuse le foreste di latifoglie, cioè di alberi come faggi, querce e aceri. Queste sono le regioni temperate fresche e durante l’autunno si assiste al fenomeno della caduta delle foglie da questi alberi ad alto fusto.



Potrebbe interessarti

Meteo Sud Africa: quando partire?

Il meteo in Sud Africa è vario perchè condizionato da tre fattori: dalla vasta estensione territoriale, dall’altitudine e dalla vicinanza con il mare. Infatti, questo esteso territorio è costituito da montagne, praterie, steppe, boscaglie, deserti di sabbia rossa e pianure costiere.

Leggi tutto...

Gli orari della Arenaways: tutte le informazioni sulla compagnia ferroviaria!

L'Arenaways è una nuova compagnia ferroviaria che opera nel nord Italia e che ha come filosofia aziendale oltre al voler offrire una valida alternativa all'attuale monopolio di Trenitalia, quella di cercare di ridurre o eliminare gli effetti ambientali dei servizi.

Leggi tutto...

Clima della Colombia: le informazioni prima del viaggio!

La Colombia si trova proprio sull’equatore; uno spartiacque tra l’America del Nord e quella del Sud. Questa nazione comprende anche tante isole, le principali sono: Gorgonia, Santa Catalina, Providencia la Isla del Rosario e San Andres. Il territorio è attraversato dalla Cordigliera delle Ande che presenta vette che raggiungono anche i 5800 metri e, per questa ragione, il clima della Colombia è piuttosto vario.

Leggi tutto...

Clima Cuba: ecco come preparare le valigie!

ll clima di Cuba è di tipo subtropicale, più temperato rispetto ad altre isole caraibiche e presenta inverno secco ed estate umida. La stagione secca si sviluppa tra novembre e aprile, mentre la stagione umida va da maggio a ottobre.

Leggi tutto...

Il Clima in Oceania: quando viaggiare in Australia?

Le stagioni del clima Oceania sono invertite rispetto a quelle dell'emisfero Nord del pianeta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Clima a Zanzibar: il periodo giusto per viaggiare!

Il clima Zanzibar è di tipo tropicale e quindi soggetto a cambiamenti anche repentini; in una giornata di sole è facile che si verifichi un abbondante acquazzone che però può durare solo 5 minuti.

Leggi tutto...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Clima Appenninico in Italia: meteo e temperature

Il clima Appenninico influenza tutta la catena montuosa appenninica che si estende lungo l’Italia peninsulare.

Leggi tutto...

Temperature in Russia: scopri quando partire!

Le temperature in Russia sono simili a quelle registrate nei paesi Scandinavi. Il clima di questa zona del pianeta è freddo, ma secco. Tale caratteristica climatica fa si che si percepisca meno il gelo. 

Leggi tutto...

Alto Adige: vacanze innevate per gli amanti degli sport invernali

Organizzare una vacanza nei mesi invernali in Alto Adige vuol dire vivere una bellissima esperienza fra i paesaggi meravigliosi delle Dolomiti godendo delle piste innevate e dei sentieri che riescono ad accontentare anche il turista più esigente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gatteo Mare: il massimo del relax per la tua estate al mare

La destinazione per le proprie vacanze non è mai facile da scegliere così su due piedi: c’è chi è tipo da escursione, chi da montagna e chi invece è spiccatamente tipo da mare. Se vi sentite di rientrare in quest’ultima categoria, sappiate che Gatteo Mare ha qualcosa da offrirvi: gusto e freschezza, leggerezza del mare unita al relax, al sole ed al cibo tipicamente locale, infatti, sono gli elementi che rendono questa località vincente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Località sciistiche italiane: le mete più importanti al mondo!

In Italia, ogni appassionato di sport invernale sa quale siano le località sciistiche migliori da battere per seguire la traiettoria della neve che più lo soddisfi. Passiamo in rassegna le località del nostro paese e quelle più interessanti nel mondo

Leggi tutto...

Leggi anche...

I Monsoni: tutte le informazioni sulle regioni monsoniche

Spesso se ne sente parlare nei documentari naturalistici televisivi oppure, purtroppo, in occasione di eventi drammatici, quali cicloni o tifoni che colpiscono alcune aree geografiche dell'Asia, tuttavia i Monsoni rappresentano un evento climatico consueto, a cui diverse popolazioni ormai sono abituate. Il loro nome deriva dalla lingua araba ed in particolare dal termine "Mawsim" (traducibile in Italiano con "stagione"), per indicare proprio la caratteristica stagionale di questo fenomeno climatico assai particolare. Cerchiamo di capire meglio in cosa consistono.

Leggi tutto...
Go to Top